2017 ASH Meeting on Hematologic
Madrid 22nd congress
isth 2017
Neurologia

Esito di pazienti a basso rischio con sindromi mielodisplastiche senza delezione 5q dopo fallimento degli agenti stimolanti l'eritropoiesi


La maggior parte dei pazienti anemici con sindromi mielodisplastiche ( MDS ) senza delezione 5q a basso rischio è trattata con agenti stimolanti l'eritropoiesi ( ESA ), con un tasso di risposta del 50% circa.

I trattamenti di seconda linea, inclusi gli agenti ipometilanti, Lenalidomide ( Revlimid ) e farmaci sperimentali, possono essere utilizzati dopo il fallimento degli agenti stimolanti l'eritropoiesi in alcuni Paesi, ma il loro effetto sulla progressione della malattia e la sopravvivenza globale è sconosciuto.

È stato analizzato il risultato dopo il fallimento degli agenti stimolanti l'eritropoiesi e l'effetto dei trattamenti di seconda linea.

È stata esaminata una coorte retrospettiva internazionale di 1.698 pazienti con sindromi mielodisplastiche non-del 5q a basso rischio trattati con agenti stimolanti l'eritropoiesi.

La risposta eritroide agli agenti stimolanti l'eritropoiesi è stata pari al 61.5%, e la durata mediana della risposta è stata di 17 mesi.

Dei 1.147 pazienti con fallimento degli agenti stimolanti l'eritropoiesi, 653 hanno presentato fallimento primario e 494 hanno avuto recidiva dopo una risposta.
Il fallimento primario degli agenti stimolanti l'eritropoiesi era associato a un più alto rischio di progressione della leucemia mieloide acuta, che non si è tradotta in una differenza di sopravvivenza globale.

Dei 450 pazienti ( 39% ) che hanno ricevuto il trattamento di seconda linea, 194 hanno ricevuto agenti ipometilanti, 148 hanno ricevuto Lenalidomide, e 108 hanno ricevuto altre terapie, mentre 697 hanno ricevuto solo trasfusioni di eritrociti.
L’incidenza cumulativa a 5 anni di leucemia mieloide acuta è stata del 20.3%, 20.3% e 11.3% per i pazienti trattati con agenti ipometilanti, Lenalidomide e altre terapie, rispettivamente ( P=0.05 ).

La sopravvivenza globale per i pazienti trattati con agenti ipometilanti, Lenalidomide e altre terapie è stata, rispettivamente, del 36.5%, 41.7% e 51% ( P=0.21 ).

In una analisi multivariata aggiustata per età, sesso, punteggio IPSS ( International Prognostic Scoring System ), e progressione al fallimento degli agenti stimolanti l'eritropoiesi, non vi è stata alcuna differenza significativa riguardo alla sopravvivenza globale tra i tre gruppi.

In conclusione, in questo grande studio multicentrico, retrospettivo, di coorte di pazienti con sindromi mielodisplastiche non-del 5q a basso rischio trattati con agenti stimolanti l'eritropoiesi, nessuno dei trattamenti di seconda linea più comunemente usati ( agenti ipometilanti e Lenalidomide ) ha significativamente migliorato la sopravvivenza globale.
Il fallimento precoce dei farmaci stimolanti l'eritropoiesi è stato associato a un più alto rischio di progressione di leucemia mieloide acuta. ( Xagena2017 )

Park S et al, J Clin Oncol 2017; 35: 1591-1597

Onco2017 Emo2017 Farma2017


Indietro