ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Alte dosi di CEOP più Filgrastim versus dosaggio standard di CEOP in pazienti con linfoma non-Hodgkin


L’aumento di intensità della dose della chemioterapia per i pazienti con linfoma non-Hodgkin ( NHL ) aggressivo può migliorare gli esiti a costo di un aumento della tossicità.
Questo problema è stato affrontato in uno studio randomizzato con l'obiettivo di raddoppiare l'intensità della dose dei farmaci mielosoppressivi.

Tra il 1994 e il 1999, 250 pazienti con NHL aggressivo, non-trattati in precedenza, sono stati assegnati in modo casuale al trattamento con 6 cicli di 3 chemioterapie settimanali standard ( s ) o intensive ( i ): s-CEOP [ Ciclofosfamide 750, Epirubicina 75, Vincristina 1.4 mg/m2 al giorno 1, e Prednisolone 100 mg ] nei giorni 1-5; i-CEOP [ Ciclofosfamide 1500, Epirubicina 150, Vincristina 1.4 mg/m2 al giorno 1 e Prednisolone 100 mg ] nei giorni 1-5.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale a 5 anni.

Rispetto ai pazienti s-CEOP, i pazienti i-CEOP hanno raggiunto un aumento del 78% dell’intensità della dose di Ciclofosfamide ed Epirubicina.

Nonostante questo, non vi è stata alcuna differenza significativa in alcun risultato: sopravvivenza globale a 5 anni ( 56.7% i-CEOP; 55.1% s-CEOP, P=0.80 ), sopravvivenza libera da progressione a 5 anni ( 41% i-CEOP; 43% s-CEOP, P=0.73 ), tempo alla progressione a 5 anni ( 44% i-CEOP; 47% s-CEOP, P=0.72 ) o tassi di remissione completa ( CR ) più remissione completa non-confermata ( Cru ) ( 53% i-CEOP; 59% s-CEOP, P=0.64 ).

Il follow-up a lungo termine a 10 anni ha anche mostrato differenze significative in sopravvivenza globale, sopravvivenza libera da progressione, o tempo alla progressione.

Il braccio i-CEOP ha avuto tassi più elevati di neutropenia febbrile ( 70% vs 26% ), ricoveri, utilizzo di prodotti ematologici, tossicità ematologiche e gastrointestinali, e inferiori punteggi di qualità di vita durante il trattamento, pur senza differenze significative 6 mesi più tardi.

Nel trattamento del linfoma non-Hodgkin aggressivo nell’era pre-Rituximab, l’aumento della intensità della dose non ha portato a esiti migliori, mentre allo stesso tempo ha causato un aumento della tossicità. ( Xagena2014 )

Hertzberg M et al, Am J Hematol 2014; 89: 536-541

Onco2014 Emo2014 Farma2014


Indietro