GSK Ematologia
Janssen Oncology
Celgene Ematologia
Ematologia Amgen

Fattori predittivi per una interruzione sicura di Imatinib in pazienti affetti da leucemia mieloide cronica


Sebbene recenti studi abbiano suggerito che l’interruzione di Imatinib ( Glivec, Gleevec ) in pazienti affetti da leucemia mieloide cronica possa essere associata a risposta sostenuta, è necessaria un’ulteriore conferma per esaminare i fattori predittivi.

In uno studio prospettico multicentrico, i pazienti in fase cronica erano adatti alla cessazione della terapia con Imatinib dopo più di 3 anni se non avessero avuto trascrizione di BCR-ABL1 rilevabile per almeno 2 anni.

Sono stati arruolati 48 pazienti con un'età media di 47 anni ( 19-74 anni ); 20 pazienti hanno ricevuto Imatinib per la ricaduta post-trapianto.

Dopo un follow-up medio di 15.8 mesi dopo l'interruzione di Imatinib, 9 pazienti del gruppo che non ha subito trapianto hanno perso la condizione di malattia molecolare residua non-rilevabile ( UMRD ) e risposta molecolare maggiore ( MMR ), mentre nessuno dei 20 pazienti nel gruppo con trapianto ha dimostrato la perdita della condizione di malattia molecolare residua non-rilevabile.

Le probabilità di risposta molecolare maggiore sostenuta e malattia molecolare residua non-rilevabile erano, rispettivamente, pari a 64.4% e 66.3% nel gruppo senza trapianto.

Tra i 9 pazienti ritrattati con Imatinib, 8 hanno nuovamente raggiunto una risposta molecolare maggiore in una media di 1.7 mesi; 7 di questi pazienti hanno nuovamente raggiunto la condizione di malattia molecolare residua non-rilevabile in una media di 5.6 mesi.

Un precedente trapianto, la durata della somministrazione di Imatinib e la durata della condizione di malattia molecolare residua non-rilevabile sono stati significativamente associati a una risposta molecolare sostenuta.

I dati hanno indicato che il controllo immunologico contribuisce alla soppressione sostenuta della espansione delle cellule leucemiche residue e che Imatinib può essere interrotto in modo sicuro nei pazienti con recidiva post-trapianto. ( Xagena2013 )

Lee SE et al, Am J Hematol 2013; 88: 6: 449-454

Emo2013 Farma2013


Indietro