isth 2017
2017 ASH Meeting on Hematologic
Madrid 22nd congress
OncoGinecologia.net

I polimorfismi a singolo nucleotide in CD40L predicono complicazioni endoteliali e mortalità dopo trapianto di cellule staminali allogeniche


La vulnerabilità endoteliale è un potenziale fattore di rischio per le complicanze dopo trapianto di cellule staminali allogeniche ( alloSCT ).
L'asse CD40 / ligando CD40 ( CD40L ) contribuisce alle malattie infiammatorie ed è sovraregolato nelle cellule endoteliali all'attivazione, suggerendo un ruolo nella biologia di alloSCT.

Sono stati studiati i polimorfismi a singolo nucleotide ( SNP ) nel gene CD40L nei pazienti che hanno ricevuto un trapianto alloSCT.

Tre SNP CD40L (rs3092920, rs3092952, rs3092936) sono stati analizzati per l’associazione con microangiopatia trombotica associata al trapianto, mortalità totale non-dovuta a recidiva ( NRM ) e mortalità non-da-recidiva dopo malattia acuta del trapianto contro l’ospite ( GVHD ) in 294 pazienti trattati con trapianto alloSCT senza profilassi endoteliale a base di statine.

Il genotipo significativo è stato quindi analizzato in prospettiva con polimorfismi del gene della trombomodulina (THBD) stabiliti. I risultati sono stati convalidati in una coorte indipendente senza SEP e in ulteriori 344 pazienti che hanno ricevuto SEP.

Il genotipo rs3092936 CC/CT è risultato associato a un aumentato rischio di microangiopatia trombotica associata al trapianto ( P=0.001 ), mortalità generale non-da-recidiva ( P=0.03 ) e mortalità non-da revidiva dopo malattia acuta del trapianto contro l'ospite ( P=0.01 ).
Il genotipo rs3092936 CC/CT era in gran parte esclusivo di SNP THBD ad alto rischio.

Entrambi gli SNP CD40L e THBD hanno predetto la sopravvivenza globale ( OS ) avversa e la mortalità generale non-da-recidiva in misura simile nella coorte di training ( OS, P=0.04; NRM, P minore di 0.001 ) e nella coorte di convalida ( OS, P=0.01; NRM, P=0.001 ) senza profilassi endoteliale a base di statine.

Per contro, la profilassi endoteliale basata sulle statine ha completamente abolito l'influenza degli SNP ad alto rischio CD40L e THBD ( P=0.40 ).

In conclusione, un rischio aumentato di complicanze endoteliali può essere previsto prima del trapianto alloSCT da marcatori genetici nel genoma del ricevente.
La normalizzazione dei rischi di mortalità nei pazienti trattati con profilassi endoteliale basata sulle statine suggerisce un modo per superare l'effetto negativo dei genotipi ad alto rischio e merita una ulteriore convalida clinica. ( Xagena2018 )

Rachakonda SP et al, J Clin Oncol 2018; 36: 789-800

Onco2018 Emo2018



Indietro