Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
2017 ASH Meeting on Hematologic
isth 2017
Madrid 22nd congress

La carenza di vitamina D pre-trapianto è associata a più alti tassi di recidiva nei pazienti con allotrapianto per tumori mieloidi


La carenza di vitamina D pre-trapianto è risultata associata a un più alto rischio di recidiva nei pazienti sottoposti ad allotrapianto di cellule staminali ematopoietiche per tumori mieloidi.

Il deficit di vitamina D è comune nei pazienti con neoplasie ematologiche sottoposti a trapianto allogenico ( allo-SCT ); è stato studiato retrospettivamente l'impatto dello stato della vitamina D pre-trapianto sulla sopravvivenza globale, sulla mortalità da recidiva e sulla mortalità non dovuta a recidiva in una coorte di 492 pazienti sottoposti a trattamento con allo-SCT dal 2002 al 2013.

Il deficit di vitamina D è stato definito come livello sierico di 25-idrossivitamina D3 inferiore a 20 ng/ml ( equivalente a meno di 50 nM ) prima dello allo-SCT, ed è stato valutato utilizzando metodi di laboratorio accreditati e un saggio a chemiluminescenza standard.
I risultati sono stati convalidati in una coorte indipendente di 398 pazienti con diagnosi di neoplasie mieloidi.

In totale 396 ( 80% ) e 348 ( 87% ) pazienti avevano carenza di vitamina D prima dello allo-SCT nella coorte di training e convalida, rispettivamente.
Nella coorte di training, il deficit di vitamina D è risultato significativamente associato a una sopravvivenza globale inferiore ( hazard ratio, HR=1.78; P=0.007 ) nell'analisi multivariata.
Questo dipendeva da un più alto rischio di recidiva ( HR=1.96; P=0.006 ) più che alla mortalità non dovuta a recidiva.

Un'associazione significativa tra deficit di vitamina D pre-trapianto e tassi di recidiva più elevati è stata osservata solo nei pazienti con diagnosi di tumore mieloide ( HR=2.55; P=0.014 ), ma non-linfatico ( HR=1.60; P=0.147 ).

Un simile impatto della carenza di vitamina D pre-trapianto sul rischio di recidiva nelle malattie mieloidi è stato osservato anche nella coorte indipendente di pazienti ( HR=2.60; P=0.017 ).
La validazione dell'effetto del deficit di vitamina D in caso di recidiva in pazienti con tumori mieloidi ha avuto esito positivo.

In conclusione, la carenza di vitamina D pre-trapianto è risultata associata a un più alto rischio di recidiva nei pazienti sottoposti ad allotrapianto per tumori mieloidi.
Sono necessari studi prospettici sullo stato della vitamina D e sulla correzione della carenza di vitamina D nell’ambito dell'allotrapianto di cellule staminali ematopoietiche. ( Xagena2017 )

Radujkovic A et al, J Clin Oncol 2017; 35: 3143-3152

Emo2017 Onco2017 Endo2017



Indietro