GSK Ematologia
Janssen Oncology
Celgene Ematologia
Ematologia Amgen

La risposta molecolare profonda è raggiunta dalla maggior parte dei pazienti trattati con Imatinib, predice la sopravvivenza ed è raggiunta più velocemente con dosi ottimizzate di Imatinib


L’espressione risposta molecolare profonda [ MR(4.5) ] definisce un sottogruppo di pazienti con leucemia mieloide cronica che potrebbero stare in remissione non in buone condizioni dopo interruzione del trattamento.

Non è chiaro quanti pazienti raggiungano la condizione MR(4.5) con diverse modalità di trattamento, e se MR(4.5) predica la sopravvivenza.

Pazienti dello studio randomizzato CML-Study IV sono stati analizzati per confermare MR(4.5) che è stata definita come una riduzione uguale o superiore a 4.5 log di BCR-ABL alla scala internazionale ( IS ) e determinata con RT-PCR ( Real-Time PCR ) in due analisi consecutive.

Analisi landmark sono state effettuate per valutare l’impatto di MR(4.5) sulla sopravvivenza.

Dei 1551 pazienti randomizzati, 1524 sono risultati valutabili.

Dopo un periodo di osservazione mediano di 67.5 mesi, la sopravvivenza generale a 5 anni è stata del 90%, la sopravvivenza libera da progressione a 5 anni è stata dell’87.5% e la sopravvivenza generale a 8 anni è stata dell’86%.

L’incidenza cumulativa di MR(4.5) dopo 9 anni è stata del 70% ( mediana, 4.9 anni ); la MR(4.5) confermata è stata del 54%.

La MR(4.5) è stata raggiunta più velocemente con alta dose ottimizzata di Imatinib che con Imatinib al dosaggio di 400 mg/die ( P=0.016 ).

Indipendentemente dall’approccio di trattamento, la MR(4.5) confermata a 4 anni ha predetto le probabilità di sopravvivenza significativamente maggiori di un valore tra 0.1% e 1% alla scala IS, che corrisponde a remissione citogenetica completa ( sopravvivenza generale a 8 anni, 92% versus 83%; P=0.047 ).

L’Imatinib ad alto dosaggio e la remissione molecolare maggiore precoce hanno predetto MR(4.5).

Nessun paziente con MR(4.5) confermata è andato incontro a progressione.

In conclusione, la MR(4.5) è un nuovo predittore molecolare dell’esito a lungo termine, viene raggiunta dalla maggior parte dei pazienti trattati con Imatinib ed è raggiunta più velocemente con alta dose ottimizzata di Imatinib.
Questo predittore può risultare utile nella definizione del momento di interruzione del trattamento nella leucemia mieloide cronica. ( Xagena2014 )

Hehlmann R et al, J Clin Oncol 2014; 32: 415-423

Emo2014 Onco2014 Farma2014


Indietro