ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Linfoma di Hodgkin refrattario e recidivante: terapia di salvataggio sequenziale PET-adattata con Brentuximab Vedotin seguito da regime potenziato a base di Ifosfamide, Carboplatino ed Etoposide


La 18 F-fluorodeossiglucosio ( FDG ) PET-negatività pre-trapianto è uno dei più forti predittori di esito dopo la terapia ad alte dosi e il trapianto autologo di cellule staminali ( HDT / ASCT ) per i pazienti con linfoma di Hodgkin recidivato o refrattario.

È stata valutata la fattibilità e l'attività della terapia di salvataggio PET-adattata con Brentuximab Vedotin ( Adcetris ), seguita da regime potenziato a base di Ifosfamide, Carboplatino ed Etoposide ( ICE ).

In uno studio in aperto non-randomizzato, monocentrico, di fase 2, sono stati arruolati pazienti con linfoma di Hodgkin recidivato o refrattario che avevano fallito un precedente regime chemioterapico contenente Doxorubicina.

Tutti i pazienti hanno ricevuto infusioni settimanali di Brentuximab Vedotin 1.2 mg/kg nei giorni 1, 8 e 15 per due cicli di 28 giorni.

Dopo il completamento del trattamento con Brentuximab Vedotin, i pazienti sono stati sottoposti a una PET ( tomografia ad emissione di positroni ).

I pazienti che hanno raggiunto uno stato PET-negativo ( punteggio di Deauville di 1 o 2 ) hanno ricevuto direttamente una terapia ad alto dosaggio / trapianto autologo di cellule staminali; quelli con anomalie persistenti alla PET hanno ricevuto due cicli di regime ICE potenziato ( augICE; 2 dosi di Ifosfamide 5000 mg/m2 in combinazione con Mesna 5000 mg/m2 in infusione continua nell'arco di 24 ore, nei giorni 1 e 2; una dose di Carboplatino AUC 5, al giorno 3; 3 dosi di Etoposide 200 mg/m2 ogni 12 ore, al giorno 1) prima di considerare terapia ad alto dosaggio / trapianto autologo di cellule staminali.

Solo i pazienti con anomalie persistenti alla PET dopo Brentuximab Vedotin hanno ricevuto augICE; tuttavia, tutti i pazienti nella popolazione intention-to-treat sono stati valutati per l'endpoint primario, che era la percentuale di pazienti PET-negativi dopo Brentuximab Vedotin da solo o Brentuximab Vedotin seguito da regime augICE.

Tra il 2012 e il 2013 sono stati arruolati 46 pazienti.
Un paziente è stato ritenuto inammissibile, e non-valutabile, prima di iniziare il trattamento, poiché aveva linfoma di Hodgkin nodulare, linfocita-predominante e, quindi, 45 pazienti hanno ricevuto il trattamento.

Dopo Brentuximab Vedotin, 12 pazienti ( 27% ) sono risultati PET-negativi e hanno ricevuto HDT / ASCT. 33 pazienti ( 73% ) sono risultati PET-positivi dopo Brentuximab Vedotin; un paziente PET-positivo ha ritirato il consenso, quindi 32 pazienti PET-positivi hanno ricevuti augICE, 22 ( 69% ) dei quali erano PET-negativi.

Nel complesso, 34 pazienti ( 76% ) hanno raggiunto la PET-negatività.

Tutti i 44 pazienti che hanno completato il trattamento come da protocollo hanno ricevuto terapia ad alto dosaggio / trapianto autologo di cellule staminali.

Brentuximab Vedotin è stato ben tollerato e associato a pochi eventi avversi di grado 3-4, tra cui iperglicemia ( 2 pazienti, 4%, grado 3 ), nausea ( n=1, 2%, grado 3 ), ipoglicemia ( n=1, 2%, grado 3 e n=1, 2%, grado 4 ) e ipocalcemia ( n=1, 2%, grado 3 e n=1, 2%, grado 4 ).

La terapia di salvataggio sequenziale PET-adattata con Brentuximab Vedotin seguita da augICE ha permesso a un'alta percentuale di pazienti con linfoma di Hodgkin recidivo o refrattario il raggiungimento della PET-negatività, e quindi potrebbe ottimizzare la probabilità di guarigione dopo terapia ad alto dosaggio / trapianto autologo di cellule staminali. ( Xagena2015 )

Moskowitz AJ et al, Lancet 2015;16:284-292

Emo2015 Onco2015 Farma2105


Indietro