ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Obinutuzumab più Bendamustina versus Bendamustina in monoterapia nei pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente refrattario a Rituximab


I pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente che non riescono a raggiungere un adeguato controllo della malattia con il trattamento a base di Rituximab ( MabThera ) hanno poche opzioni di trattamento e una prognosi infausta.

Uno studio ha valutato la combinazione di Obinutuzumab ( Gazyvaro ), un nuovo anticorpo monoclonale glico-ingegnerizzato di tipo II anti-CD20, e Bendamustina ( Levact ) in questa popolazione di pazienti.

In questo studio in aperto, randomizzato, di fase 3 ( GADOLIN ), i pazienti di età a partire da 18 anni con linfoma non-Hodgkin indolente CD20-positivo, istologicamente documentato, refrattario a Rituximab sono stati arruolati in 83 Centri e Comunità in 14 paesi in Europa, Asia e Nord e Centro America.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale stratificando per sottotipo di linfoma non-Hodgkin indolente, tipo refrattario a Rituximab, numero di precedenti terapie e regione geografica, a ricevere il trattamento di induzione ( 6 cicli di 28 giorni ) con Obinutuzumab più Bendamustina oppure Bendamustina in monoterapia, somministrati per via endovenosa.

Obinutuzumab è stato somministrato al dosaggio di 1.000 mg ( giorni 1, 8 e 15, ciclo 1; giorno 1, cicli 2-6 ) più Bendamustina 90 mg/m2 al giorno ( giorni 1 e 2, cicli 1-6 ), mentre la Bendamustina in monoterapia è stata somministrata al dosaggio di 120 mg/m2 al giorno ( giorni 1 e 2, tutti i cicli ).

I pazienti senza progressione nel gruppo Obinutuzumab più Bendamustina hanno ricevuto mantenimento con Obinutuzumab ( 1.000 mg ogni 2 mesi ) per un massimo di 2 anni.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione in tutti i pazienti randomizzati.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto qualsiasi quantità di Obinutuzumab o Bendamustina.

Tra il 2010 e il 2014, quando lo studio è stato interrotto dopo una analisi ad interim pre-pianificata, 396 pazienti erano stati randomizzati ( 194 ad Obinutuzumab più Bendamustina e 202 a Bendamustina in monoterapia ).

Dopo un follow-up mediano di 21.9 mesi nel gruppo Obinutuzumab più Bendamustina e di 20.3 mesi nel gruppo in monoterapia con Bendamustina, la sopravvivenza libera da progressione è risultata significativamente più lunga con Obinutuzumab più Bendamustina ( mediana non-raggiunta ) che con Bendamustina in monoterapia ( 14.9 mesi; hazard ratio, HR=0.55; P=0.0001 ).

Eventi avversi di grado 3-5 si sono verificati in 132 su 194 pazienti ( 68% ) nel gruppo Obinutuzumab più Bendamustina e in 123 su 198 pazienti ( 62% ) nel gruppo con Bendamustina in monoterapia.
Gli eventi avversi più frequenti di grado 3 o maggiore sono stati neutropenia ( 64, 33%, nel gruppo Obinutuzumab più Bendamustina vs 52, 26%, nel gruppo Bendamustina in monoterapia ), trombocitopenia ( 21, 11%, vs 32, 16% ), anemia ( 15, 8%, vs 20, 10% ) e reazioni correlate all'infusione ( 21, 11%, vs 11, 6% ).
Eventi avversi gravi si sono verificati in 74 pazienti ( 38% ) nel gruppo Obinutuzumab più Bendamustina e in 65 pazienti ( 33% ) nel gruppo Bendamustina in monoterapia, e i decessi a causa di eventi avversi si sono verificati, rispettivamente, in 12 pazienti ( 6% ) e 12 pazienti ( 6% ). 3 delle 12 morti ( 25% ) erano correlate agli eventi avversi nel gruppo Obinutuzumab più Bendamustina e 5 su 12 ( 42% ) nel gruppo con Bendamustina in monoterapia.

La combinazione Obinutuzumab più Bendamustina seguita da mantenimento con Obinutuzumab ha migliorato l’efficacia rispetto a Bendamustina in monoterapia nei pazienti refrattari a Rituximab affetti da linfoma non-Hodgkin indolente, con tossicità gestibile.
Obinutuzumab più Bendamustina rappresenta una nuova opzione di trattamento per i pazienti che hanno recidivato dopo o non hanno più risposto alla terapia con Rituximab. ( Xagena2016 )

Sehn LH et al, Lancet 2016; 17: 1081-1093

Emo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro