Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
GSK Ematologia

Quanto è sicura la vaccinazione contro SARS-CoV-2 per i pazienti con trombocitopenia immunitaria de novo e preesistente ?


Uno studio ha descritto gli effetti della vaccinazione contro SARS-CoV-2 sulla conta piastrinica dei pazienti con trombocitopenia immunitaria ( ITP ) de novo e preesistente, compresi gli esiti dello sviluppo o dell'esacerbazione della trombocitopenia immunitaria secondaria alla somministrazione di vaccini a RNA messaggero ( mRNA ).
I risultati supportano la sicurezza dei vaccini contro SARS-CoV-2 per i pazienti con trombocitopenia immunitaria de novo e preesistente, poiché l'incidenza di grave trombocitopenia e sanguinamento è bassa, e i pazienti possono essere gestiti con approcci terapeutici standard e, occasionalmente, intensificati.

Per identificare i potenziali casi di trombocitopenia immunitaria de novo dopo la vaccinazione contro SARS-CoV-2, i ricercatori hanno preso in esame i dati del sistema VAERS ( Vaccine Adverse Event Reporting System ), un programma di vaccinosorveglianza negli USA co-sponsorizzato da CDC e FDA.
Inoltre, i ricercatori hanno anche ottenuto dati anonimi sui pazienti con trombocitopenia immunitaria preesistente da uno studio retrospettivo che ha coinvolto 10 Centri di adulti con trombocitopenia immunitaria che erano stati vaccinati contro COVID nel periodo dicembre 2020 e marzo 2021, e che avevano una conta piastrinica post-vaccinazione. Nove dei Centri coinvolti nello studio erano situati negli Stati Uniti.

Lo studio ha definito la trombocitopenia immunitaria secondo le lineeguida dell'American Society of Hematology e dell'International Consensus Guidelines.
Le informazioni raccolte dalle cartelle cliniche elettroniche includevano dati demografici del paziente, durata della trombocitopenia immunitaria, storia del trattamento ( compreso l'uso in passato di Rituximab o la splenectomia, tipo di vaccino SARS-CoV-2 ricevuto, sintomi del sanguinamento e conta piastrinica ).

Inoltre, sono stati ottenuti dati sui pazienti con trombocitopenia immunitaria dal Registro PDSA ( Platelet Disorder Support Association ) e dal sondaggio della United Kingdom ITP Support Association.

Nell'analisi VAERS sono stati identificati 77 pazienti valutabili, i quali avevano ricevuto il vaccino di Pfizer-BioNTech ( n=37 ) o di Moderna ( n=40 ).
Circa un terzo dei pazienti ( 32% ) aveva riportato una malattia autoimmune premorbosa. Nelle 66 segnalazioni che specificavano l'insorgenza di trombocitopenia immunitaria dopo la prima o la seconda dose di vaccino, 51 pazienti ( 77% ) hanno sviluppato trombocitopenia dopo la prima dose e 15 pazienti ( 23% ) dopo la seconda.

A una mediana di 8 giorni dopo la vaccinazione ( intervallo = 3-13 ), la conta piastrinica mediana era 3×10(9)/L [ intervallo = 1-9×10(9)/L ].
I sintomi includevano sanguinamento della pelle o della mucosa orale ( 74% ), sanguinamento genito-urinario ( n=6 ), sanguinamento gastrointestinale ( n=5 ) e sanguinamento del sistema nervoso centrale ( n=1 ).
Non è stata riscontrata alcuna differenza significativa nel tempo di insorgenza dei sintomi o nella conta piastrinica al momento della diagnosi tra i destinatari del vaccino di Pfizer-BioNTech rispetto a quelli di Moderna.

Quarantasei pazienti avevano registrazioni che specificavano il trattamento. Di questi, tutti avevano ricevuto immunoglobuline per uso endovenoso ( IVIG ), corticosteroidi o trasfusioni di piastrine.
Cinque pazienti avevano ricevuto agonisti del recettore della trombopoietina ( TPO-RA ), Rituximab o Vincristina.
La maggior parte dei 28 pazienti i cui dati includevano la conta piastrinica di follow-up ( 93% ) ha sperimentato un aumento della conta piastrinica a un valore superiore a 30×10(9)/L dopo il trattamento.

Otto pazienti con trombocitopenia immunitaria de novo dopo la prima dose di vaccino hanno contattato gli sperimentatori dello studio perché la loro trombocitopenia immunitaria era refrattaria e difficile da gestire, ma non è noto se questi pazienti siano stati inclusi nei dati VAERS.
Dopo ulteriore trattamento, tutti e otto i pazienti hanno riscontrato miglioramenti nella conta piastrinica.

Successivamente, nello studio dei 10 Centri di pazienti con trombocitopenia immunitaria preesistente, la malattia era stata diagnosticata una mediana di 12 anni prima ( intervallo = 4-23 ) e avevano ricevuto una mediana di tre precedenti terapie ( intervallo = 2- 4 ).
Dei 117 pazienti, 69 erano in trattamento per trombocitopenia immunitaria al momento della vaccinazione, inclusi 58 che stavano ricevendo un agonista del recettore della trombopoietina ( TPO-RA ) e 27 che erano stati sottoposti a splenectomia.

Al momento della prima dose di vaccino, il conto piastrinico mediano al basale tra i 109 pazienti valutabili con trombocitopenia immunitaria preesistente era 101×10(9)/L [ intervallo = 60-199×10(9)/L ].
Al momento della seconda dose di vaccino, la conta piastrinica è rimasta relativamente stabile, a una mediana di 101×10(9)/L [ intervallo = 60-186×10(9)/L ].
Dopo la seconda dose, è stato osservato che la conta piastrinica era aumentata in 24 pazienti ( 34% ), era rimasta stabile in 25 pazienti ( 36% ) ed era diminuita in 21 pazienti ( 30% ).
In 14 pazienti ( 20% ) che hanno sviluppato un'esacerbazione della trombocitopenia immunitaria e in 9 che hanno richiesto un trattamento di salvataggio, la conta piastrinica è tornata ai livelli pre-vaccinazione entro 2 o 4 settimane.

Infine, negli studi PDSA e nel Regno Unito, per un totale di 100 pazienti con trombocitopenia immunitaria e conta piastrinica post-vaccinazione, 33 pazienti in entrambe le indagini hanno riportato conte piastriniche post-vaccino più basse.

Per quanto riguarda il trattamento della trombocitopenia immunitaria, è stato notato che la splenectomia era associata a un rischio più elevato di esacerbazione della trombocitopenia immunitaria e a una diminuzione della conta piastrinica post-vaccinazione in tutte e tre le coorti di pazienti con trombocitopenia immunitaria preesistente.

Non è stata segnalata alcuna emorragia maggiore.

Nel complesso, lo studio ha fornito una base fattuale per incoraggiare la vaccinazione contro SARS-CoV-2 per i pazienti con trombocitopenia immunitaria descrivendo gli esiti avversi relativamente rari e la loro reversibilità con il trattamento.

Questi risultati sono limitati dal disegno retrospettivo dello studio e dalla dipendenza da informazioni di completezza indefinita provenienti da diverse fonti. ( Xagena2021 )

Fonte: Blood, 2021

Emo2021 Onco2021 Vac2021 Inf2021 Farma2021


Indietro