Ematologia Amgen
Janssen Oncology
Celgene Ematologia
GSK Ematologia

Rituximab, Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisolone combinati con Metotrexato ad alte dosi più chemioterapia intratecale per linfoma intravascolare a grandi cellule B di nuova diagnosi: studio PRIMEUR-IVL


Il linfoma intravascolare a grandi cellule B ( IVLBCL ) è una malattia rara per la quale non esiste un trattamento standard disponibile.
Sono state accertate la sicurezza e l'attività di R-CHOP ( Rituximab, Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisolone ) con Metotrexato ad alte dosi e chemioterapia intratecale come terapia orientata al sistema nervoso centrale per pazienti con linfoma intravascolare a grandi cellule B non-trattati in precedenza.

PRIMEUR-IVL è uno studio multicentrico, a braccio singolo, di fase 2 condotto in 22 ospedali in Giappone.
I pazienti eleggibili avevano linfoma intravascolare a grandi cellule B istologicamente confermato non-trattato, un'età compresa tra 20 e 79 anni, un ECPG performance status di 0-3 e non avevano un apparente coinvolgimento del sistema nervoso centrale alla diagnosi.

I pazienti hanno ricevuto tre cicli di R-CHOP ( Rituximab 375 mg/m2 per via endovenosa il giorno 1, tranne il ciclo 1, il giorno 8; Ciclofosfamide 750 mg/m2, Doxorubicina 50 mg/m2 e Vincristina 1.4 mg/m2, massimo 2.0 mg, per via endovenosa il giorno 1 del ciclo 1 e il giorno 2 dei cicli 2 e 3; e Prednisolone 100 mg/die per via orale nei giorni 1–5 del ciclo 1 e nei giorni 2-6 dei cicli 2 e 3 ) seguiti da 2 cicli di Rituximab con Metotrexato ad alte dosi ( 3.5 g/m2 per via endovenosa il giorno 2 dei cicli 4 e 5 ) ogni 2 settimane e 3 cicli aggiuntivi di R-CHOP.

La chemioterapia intratecale ( Metotrexato 15 mg, Citarabina 40 mg e Prednisolone 10 mg ) è stata somministrata 4 volte durante la fase R-CHOP.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione a 2 anni. Sono state condotte analisi di efficacia in tutti i pazienti arruolati; analisi di sicurezza sono state condotte in tutti i pazienti arruolati e trattati.

Tra il 2011 e il 2016 sono stati arruolati 38 pazienti, di cui 37 ammissibili; un paziente è stato escluso a causa di una storia di linfoma testicolare.
Il follow-up mediano è stato di 3.9 anni.

La sopravvivenza libera da progressione a 2 anni è stata del 76%.

Gli eventi avversi di grado 3-4 più frequenti sono stati neutropenia e leucocitopenia, segnalati in tutti i 38 ( 100% ) pazienti.
Eventi avversi gravi sono stati ipopotassiemia, neutropenia febbrile con ipotensione, ipertensione ed emorragia intracerebrale ( riportate in un paziente ciascuna, 3% ).
Nessun decesso correlato al trattamento si è verificato durante il trattamento per protocollo.

R-CHOP combinato con Rituximab e Metotrexato ad alte dosi più chemioterapia intratecale è un trattamento sicuro e attivo per i pazienti con linfoma intravascolare a grandi cellule B senza apparente coinvolgimento del sistema nervoso centrale alla diagnosi, e merita future indagini. ( Xagena2020 )

Shimada K et al, Lancet Oncology 2020; 21: 593-602

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro