ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Ruxolitinib versus terapia standard per il trattamento della policitemia vera


Ruxolitinib ( Jakavi ), un inibitore delle Janus ( JAK ) chinasi 1 e 2, ha dimostrato di dare un beneficio clinico ai pazienti con policitemia vera in uno studio di fase 2.

È stato condotto uno studio di fase 3 in aperto per valutare l'efficacia e la sicurezza di Ruxolitinib rispetto alla terapia standard nei pazienti con policitemia vera che hanno avuto una risposta inadeguata o hanno avuto effetti collaterali inaccettabili da Idrossiurea ( Onco-Carbide ).

Sono stati randomizzati i pazienti salasso-dipendenti con splenomegalia a ricevere Ruxolitinib ( n=110 ) o alla terapia standard ( n=112 ).

L'endpoint primario era rappresentato dal controllo di ematocrito fino alla settimana 32 e da una riduzione di almeno il 35% del volume della milza alla settimana 32, valutato mediante imaging.

L'endpoint primario è stato raggiunto nel 21% dei pazienti nel gruppo Ruxolitinib rispetto all'1% dei pazienti nel gruppo di terapia standard ( P minore di 0.001 ).
Il controllo dell’ematocrito è stato raggiunto nel 60% dei pazienti trattati con Ruxolitinib e nel 20% di quelli trattati con la terapia standard; il 38% e l’1% dei pazienti nei due gruppi, rispettivamente, hanno avuto una riduzione di almeno il 35% del volume della milza.

Una remissione ematologica completa è stata raggiunta nel 24% dei pazienti nel gruppo Ruxolitinib e nel 9% di quelli nel gruppo di terapia standard ( P=0.003 ); il 49% rispetto al 5% ha avuto una riduzione di almeno il 50% del punteggio totale dei sintomi alla settimana 32.

Nel gruppo Ruxolitinib, anemia di grado 3 o 4 si è verificata nel 2% dei pazienti, e trombocitopenia di grado 3 o 4 si è verificata nel 5% dei pazienti; le corrispondenti percentuali nel gruppo di terapia standard sono state 0% e 4%.

L’infezione da herpes zoster è stata riportata nel 6% dei pazienti nel gruppo Ruxolitinib e nello 0% di quelli nel gruppo di terapia standard ( grado 1 o 2 in tutti i casi ).

Si sono verificati eventi tromboembolici in un paziente trattato con Ruxolitinib e in 6 pazienti trattati con la terapia standard.

In conclusione, nei pazienti che hanno avuto una risposta inadeguata o hanno avuto effetti collaterali inaccettabili da Idrossiurea, Ruxolitinib è risultato superiore alla terapia standard nel controllo dell'ematocrito, riducendo il volume della milza, e migliorando i sintomi associati alla policitemia vera. ( Xagena2015 )

Vannucchi AM et al, N Engl J Med 2015;372:426-435

Emo2015 Farma2015


Indietro