isth 2017
Madrid 22nd congress
2017 ASH Meeting on Hematologic
Mediexplorer

Linfoma periferico a cellule T: il trapianto di cellule staminali autologhe in prima remissione completa non estende la sopravvivenza libera da progressione


Nei pazienti con linfoma a cellule T periferiche in prima remissione completa dopo la chemioterapia di induzione CHOP-like, il trapianto autologo di cellule staminali non migliora la sopravvivenza libera da progressione rispetto all'osservazione attiva.

I pazienti con linfoma a cellule T periferiche hanno generalmente una prognosi infausta quando vengono trattati con la chemioterapia convenzionale.

Il consolidamento con trapianto di cellule staminali autologhe è in grado di migliorare la sopravvivenza libera da progressione.

Tuttavia, il trapianto di cellule staminali autologhe consolidativo non è stato confrontato con l'osservazione attiva nei pazienti con linfoma periferico a cellule T che raggiungono la prima remissione completa ( CR1 ) dopo la chemioterapia di induzione.

È stata condotta una analisi retrospettiva di pazienti con linfoma periferico a cellule T, trattati presso la University of Pennsylvania tra il 2007 e il 2014.

I pazienti con linfoma cutaneo a cellule T, linfomi simultanei a cellule B e linfoma a grandi cellule anaplastico ALK-positivo sono stati esclusi dallo studio.

È stata confrontata la sopravvivenza libera da progressione dei pazienti sottoposti a trapianto autologo in CR1 seguendo regimi di induzione CHOP-like e dei pazienti sottoposti a osservazione attiva durante CR1.

I criteri di inclusione ed esclusione sono stati soddisfatti da 48 pazienti che sono stati sottoposti a osservazione attiva ( n=28 ) o trapianto consolidativo ( n=20 ) in CR1.

L'incidenza cumulativa di ricaduta a 1 anno nei gruppi di osservazione e trapianto autologo di cellule staminali è stata, rispettivamente, del 50% e del 46% ( P=0.55 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione nel gruppo di osservazione e trapianto autologo di cellule staminali è stata, rispettivamente, del 15.8 e del 12.8 mesi ( log rank, P=0.79 ).

La sopravvivenza stimata libera da progressione a 3 anni nei gruppi di osservazione e trapianto autologo di cellule staminali è stata, rispettivamente, del 37% e del 41%.

In conclusione, per i pazienti con linfoma periferico a cellule T che hanno raggiunto CR1 dopo la chemioterapia di induzione CHOP-like, il trapianto autologo di cellule staminali non sembra migliorare la sopravvivenza libera da progressione rispetto all'osservazione attiva.
Questa scoperta dovrebbe essere confermata in un più ampio studio prospettico. ( Xagena2016 )

Yam C et al, Am J Hematol 2016; 91: 672-676

Ema2016 Onco2016



Indietro