2017 ASH Meeting on Hematologic
Madrid 22nd congress
isth 2017

Malattia minima residua post-induzione predice esiti e benefici del trapianto allogenico di cellule staminali nella leucemia mieloide acuta con mutazione NPM1


Uno studio ha valutato l'impatto prognostico di malattia minima residua ( MRD ) post-induzione NPM1-mutata ( NPM1m ) in giovani pazienti adulti ( età da 18 a 60 anni ) affetti da leucemia mieloide acuta, e ha determinato se la malattia minima residua con mutazione NPM può essere utilizzata come fattore predittivo del beneficio del trapianto di cellule staminali allogeniche ( ASCT ).

Fra 229 pazienti con mutazione NPM1 che sono stati trattati nello studio Acute Leukemia French Association 0702 ( ALFA-0702 ), la valutazione della malattia minima residua era disponibile in 152 pazienti in prima remissione.
I pazienti con leucemia mieloide acuta non-favorevole secondo la classificazione europea LeukemiaNet ( ELN ) erano eleggibili per il trapianto allo genetico di cellule staminali in prima remissione.

Dopo terapia di induzione, i pazienti che non hanno ottenuto una riduzione di 4-log nella malattia minima residua NPM1m nel sangue periferico ( PB-MRD ) hanno avuto una maggiore incidenza cumulativa di recidiva ( subhazard ratio, SHR=5.83; P minore di 0.001 ) e una più breve sopravvivenza globale ( hazard ratio, HR=10.99; P minore di 0.001 ).

All’analisi multivariata, un cariotipo anormale, la presenza di FLT3-duplicazione tandem interna ( ITD ) e una riduzione inferiore a 4-log nella malattia minima residua nel sangue periferico sono stati significativamente associati a una maggiore incidenza di ricaduta e a una sopravvivenza globale più breve.

Nel sottogruppo di pazienti con FLT3-ITD, solo l’età, il numero di globuli bianchi, e la riduzione minore di 4-log nella malattia minima residua nel sangue periferico, ma non il rapporto allelico FLT3-ITD, sono rimasti di rilevante valore prognostico.

In questi pazienti con leucemia mieloide acuta non favorevole secondo l’European LeukemiaNet, la sopravvivenza libera da malattia e la sopravvivenza globale sono significativamente migliorate grazie al trapianto di cellule staminali allogeniche nei soggetti con un riduzione inferiore a 4-log nella malattia minima residua nel sangue periferico.

Questo beneficio non è stato osservato nei pazienti con una riduzione superiore a 4-log in PB-MRD, con una significativa interazione tra effetto del trapianto ASCT e la risposta PB-MRD ( P=0.024 e 0.027 per la sopravvivenza libera da malattia e la sopravvivenza globale, rispettivamente ).

In conclusione, lo studio sostiene il forte significato prognostico della malattia minima residua NPM1m in fase precoce, indipendentemente dal contesto citogenetico e molecolare.
Inoltre, la malattia minima residua NPM1m nel sangue periferico può essere utilizzata come un fattore predittivo per l'indicazione di trapianto allogenico di cellule staminali. ( Xagena2017 )

Balsat M et al, J Clin Oncol 2017; 35: 185-193

Emo2017 Onco2017



Indietro