Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Ematologia Amgen

Analisi dei sottogruppi IKEMA nei pazienti con mieloma multiplo recidivato con citogenetica ad alto rischio: Isatuximab associato a Carfilzomib e Desametasone


Un'analisi ad interim dello studio di fase 3 IKEMA ha dimostrato che l'associazione Isatuximab [ Sarclisa ] - Carfilzomib [ Kyprolis ] - Desametasone ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto a Carfilzomib - Desametasone nei pazienti con mieloma multiplo recidivante ( hazard ratio, HR 0.531; IC 99%, 0.318–0.889 ; P = 0.0007 ), con un profilo di sicurezza gestibile.

Questa analisi per sottogruppi di IKEMA ha esaminato l'efficacia e la sicurezza nei pazienti con citogenetica ad alto rischio [ t(4;14), del(17p) e t(14;16) e/o guadagno (1q21) ].

I pazienti con 1-3 linee di precedente terapia sono stati randomizzati in un rapporto 3:2 a ricevere Isatuximab - Carfilzomib - Desametasone ( n = 179 ) oppure Carfilzomib - Desametasone ( n = 123 ).

La citogenetica ad alto rischio è stata valutata mediante analisi di laboratorio centrale e definita come uno o più dei seguenti: del(17p): cutoff del 50%; t(4;14) o t(14;16): cutoff del 30%.
La valutazione del guadagno (1q21) è stata prespecificata come 3 o più copie: cutoff del 30%.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione. Gli endpoint secondari erano il tasso di risposta globale ( ORR ), il tasso di negatività della malattia minima residua ( MRD ) e la sicurezza.

Tra i pazienti randomizzati, il 23.5% del gruppo trattato con Isatuximab - Carfilzomib - Desametasone e il 25.2% di quelli che hanno ricevuto Carfilzomib - Desametasone presentavano una o più anomalie citogenetiche ad alto rischio; il 26.3% di Isatuximab - Carfilzomib - Desametasone e il 25.2% di Carfilzomib - Desametasone hanno mostrato un guadagno (1q21) isolato.

L'aggiunta di Isatuximab a Carfilzomib - Desametasone ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione, rispetto alla sola combinazione Carfilzomib - Desametasone, per i pazienti con una o più anomalie citogenetiche ad alto rischio e per i pazienti a rischio standard.

I pazienti con t(4;14) ( HR 0.549; IC 95%, 0.232-1.301 ) hanno presentato un effetto del trattamento più pronunciato rispetto ai pazienti con del(17p) ( HR 0.837; IC 95%, 0.281-2.496 ).

Un chiaro beneficio in termini di sopravvivenza libera da progressione con Isatuximab - Carfilzomib - Desametasone rispetto a Carfilzomib - Desametasone è stato osservato anche per i pazienti con guadagno (1q21) isolato o in combinazione con altre anomalie citogenetiche ad alto rischio.

La tendenza verso una migliore risposta completa, una risposta parziale molto buona o migliore e tassi di negatività per MRD con l'aggiunta di Isatuximab è stata più pronunciata nei pazienti con guadagno (1q21) rispetto ai pazienti con sole anomalie citogenetiche ad alto rischio.

Gli eventi avversi emergenti dal trattamento ( TEAE ) di grado 3 o maggiore erano più comuni con Isatuximab - Carfilzomib - Desametasone rispetto a Carfilzomib - Desametasone, ma l'incidenza di eventi TEAE gravi e fatali è risultata simile con entrambi i bracci per i pazienti ad alto rischio.

In conclusione, l'aggiunta di Isatuximab a Carfilzomib - Desametasone ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con anomalie citogenetiche ad alto rischio e la risposta alla malattia nei pazienti con guadagno (1q21) isolato o combinato con anomalie citogenetiche ad alto rischio, con un profilo di sicurezza gestibile, coerente con il beneficio osservato nell'intera popolazione IKEMA.
Isatuximab - Carfilzomib - Desametasone è una potenziale nuova opzione di trattamento per il sottogruppo di pazienti difficili da trattare con mieloma multiplo recidivante e citogenetica ad alto rischio. ( Xagena2021 )

Fonte: ASCO ( American Society of Clinical Oncology ) Meeting, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro