Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Aplasia eritroide nei pazienti con insufficienza renale cronica trattati con Eprex


Il New York Times ha riferito che l’FDA, l’Agenzia Federale Usa per il controllo dei farmaci, ha avviato un’inchiesta riguardo alla produzione dell’Epoetina alfa.
L’Epoetina alta , un’eritropoietina umana ricombinante , commercializzata in Italia con i nomi di Eprex, Epoxitin e Globuren,  può causare aplasia eritroide nei pazienti con insufficienza renale cronica.
L’Epoetina alfa è un farmaco impiegato nel trattamento dell’anemia , associata ad insufficienza renale cronica e dopo chemioterapia antitumorale o chirurgia ortopedica.

La Janssen-Cilag, su indicazione del Ministero della Sanità italiano, aveva già inviato una lettera ai medici avvertendoli che al 15 di settembre 2001 erano stati segnalati 40 casi accertati o sospetti di aplasia eritroide nei pazienti con insufficienza renale cronica trattati con Eprex, la maggior parte dei quali verificatesi dopo il 1998.

Il caso tipico è rappresentato dai pazienti , che a distanza di mesi o anni dall’inizio del trattamento con Epoetina alfa , mostrano un improvviso peggioramento dell’anemia , che diventa resistente a progressivi aumenti della dose di Eritropietina.
Molti di questi pazienti sono diventati dipendenti da trasfusioni e non hanno risposto al trattamento con altre eritropoietine.

La diagnosi è confermata dall’esame del midollo osseo. Nella maggior parte dei casi sono stati osservati nel plasma anticorpi antieritropoietine. ( Xagena2002 )


Indietro