GSK Ematologia
Janssen Oncology
Ematologia Amgen
Celgene Ematologia

Associazione del genotipo IFNL4 del donatore e mortalità non dovuta a recidiva dopo trapianto di cellule staminali ematopoietiche mieloablativo da donatore non-imparentato per leucemia acuta


Il gene dell'interferone lambda 4 ( IFNL4 ) regola le risposte immunitarie controllando la produzione di IFN-lambda-4, un interferone di tipo III.
Si è ipotizzato che IFN-lambda-4 possa svolgere un ruolo nella clearance dell'infezione o nella alloreattività nei pazienti con leucemia acuta che hanno ricevuto un trapianto di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ) mieloablativo 10/10 HLA-abbinato.

È stata valutata l'associazione tra genotipo IFNL4 del ricevente e del donatore con esiti di sopravvivenza post-trapianto HSCT nei pazienti con leucemia acuta.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo in due fasi utilizzando il repository e il database CIBMTR ( Center for International Blood and Marrow Transplant Research ), in cui quasi tutti i pazienti sono stati sottoposti alla procedura negli Stati Uniti.

Sono stati inclusi pazienti con leucemia mieloide acuta o leucemia linfatica acuta, che hanno ricevuto un trapianto HSCT a qualsiasi età da un donatore non-imparentato 10/10 HLA-abbinato, con un regime di condizionamento mieloablativo, tra il 2000 e il 2008, con un campione di sangue pre-trapianto del ricevente o del donatore disponibile.

Il set di dati di scoperta includeva pazienti di una coorte esistente del National Cancer Institute ( NCI ) del database CIBMTR, in cui i polimorfismi IFNL4 del donatore e del ricevente ( rs368234815, rs12979860 e rs117648444 ) sono stati genotipizzati con saggi TaqMan.

Secondo il loro genotipo, donatori e riceventi sono stati classificati in IFNL4-positivi, se avevano almeno una copia dell'allele che supporta la produzione di IFN-lambda-4, o IFNL4-nulli per le analisi.

I risultati sono stati convalidati in modo indipendente con pazienti della coorte DISCOVeRY-BMT ( set di dati di convalida ) con dati esistenti di genotipo su saggio Illumina.
È stata anche effettuata un'analisi combinata utilizzando i dati dei pazienti inclusi nelle coorti NCI e DISCOVeRY-BMT.

Sono stati valutati 404 pazienti che hanno subito un trapianto HSCT tra il 2004 e il 2008 nel set di dati di scoperta e 1.245 pazienti nel set di dati di convalida con trapianto HSCT tra il 2000 e il 2008.
L'analisi combinata ha incluso 1.593 partecipanti sovrapposti in entrambe le coorti.

Il genotipo IFNL4-positivo del donatore, ma non del ricevente, è stato associato a un aumento del rischio di mortalità non-dovuta a recidiva ( hazard ratio, HR 1.60, P=0.0005 nel set di dati di scoperta; 1.22, P=0.0072 nel set di dati di convalida; 1.27, P=0.0001 nel set di dati combinato ).

Le associazioni con la sopravvivenza globale post-trapianto HSCT sono state le seguenti: HR 1.24, P=0.034 nel set di dati di scoperta; HR 1.10, P=0.10 nel set di dati di convalida; HR 1.11, P=0.018 nel set di dati combinato.

Dare la priorità ai donatori di trapianto HSCT con genotipo IFNL4-nullo potrebbe ridurre la mortalità non-dovuta a recidiva e migliorare la sopravvivenza globale senza limitare sostanzialmente il pool di donatori.
Se questi risultati verranno convalidati, il genotipo IFNL4 potrebbe essere aggiunto all'algoritmo di selezione del donatore. ( Xagena2020 )

Gadalla SM et al, Lancet Haematology 2020; 7: 715-723

Emo2020 Onco2020



Indietro