ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Bendamustina e Rituximab versus Fludarabina e Rituximab nei pazienti con linfomi indolenti e a cellule del mantello recidivati


La chemioimmunoterapia a base di Fludarabina ( Fludara ) con Rituximab ( MabThera ) è spesso impiegata nei pazienti con linfomi indolenti e a cellule del mantello che recidivano dopo chemioterapia alchilante.
E’ stata confrontata l'efficacia e la sicurezza di Rituximab con Bendamustina ( Levact ) o Fludarabina nei pazienti con linfoma non-Hodgkin e linfoma a cellule del mantello recidivante indolente.

Per uno studio randomizzato, di non-inferiorità, in aperto, di fase 3, sono stati reclutati pazienti da 55 Centri in Germania, che sono stati successivamente randomizzati in modo casuale a Rituximab ( 375 mg/m2, giorno 1 ) più Bendamustina ( 90 mg/m2, giorni 1 e 2 ) o Fludarabina ( 25 mg/m2, giorni 1-3 ) ogni 28 giorni per un massimo di 6 cicli di 28 giorni.

I pazienti avevano un'età di 18 anni o più, con un performance status WHO di 0-2 e avevano linfoma recidivato o refrattario indolente o a cellule del mantello; i pazienti refrattari a regimi che comprendevano Rituximab, Bendamustina, o farmaci analoghi delle purine sono stati esclusi.
I pazienti sono stati stratificati per sottotipi istologici di linfoma e per le loro più recenti terapie precedenti.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione e l'analisi finale è stata completata per protocollo.
La non-inferiorità di Bendamustina e Rituximab rispetto a Fludarabina e Rituximab è stata definita come una differenza inferiore al 15% nella sopravvivenza libera da progressione a 1 anno.

Il protocollo è stato modificato nel 2006, dopo l'approvazione del mantenimento con Rituximab ( 375 mg/m2 ogni 3 mesi fino a 2 anni ), che è stato poi somministrato a pazienti che hanno raggiunto una risposta in uno dei trattamenti di studio.

Tra il 2003 e il 2010 sono stati assegnati in modo casuale 230 pazienti ai gruppi di trattamento ( 116 a Bendamustina e Rituximab, 114 a Fludarabina e Rituximab ).

11 pazienti sono stati esclusi per violazioni del protocollo e non sono stati seguiti ulteriormente ( 2 nel gruppo Bendamustina e Rituximab e 9 nel gruppo Fludarabina e Rituximab ).

Perciò, 219 pazienti sono stati inclusi nell'analisi per protocollo ( 114 Bendamustina più Rituximab, 105 Fludarabina più Rituximab ).

La sopravvivenza libera da progressione a 1 anno con Bendamustina e Rituximab è stata pari a 0.76 e 0.48 con Fludarabina e Rituximab ( P di non-inferiorità minore di 0.0001 ).

A un follow-up mediano di 96 mesi, la sopravvivenza mediana libera da progressione con Bendamustina e Rituximab è stata di 34.2 mesi e di 11.7 mesi con Fludarabina e Rituximab ( hazard ratio, HR=0.54, log-rank test P minore di 0.0001 ).

Gli esiti di sicurezza sono stati simili in entrambi i gruppi, con 46 eventi avversi gravi registrati ( 23 nel gruppo Bendamustina più Rituximab e 23 nel gruppo Fludarabina più Rituximab ), più comunemente mielosoppressione e infezioni.

In combinazione con Rituximab, Bendamustina è risultata più efficace di Fludarabina, suggerendo che Bendamustina e Rituximab possono rappresentare l'opzione preferita di trattamento per i pazienti con linfomi recidivanti indolenti e a cellule del mantello. ( Xagena2016 )

Rummel M et al, Lancet 2016; 17: 57-66

Emo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro