ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Blocco di PD-1 con Pembrolizumab nei pazienti con linfoma di Hodgkin classico dopo fallimento di Brentuximab vedotin


Il linfoma di Hodgkin ( HL ) classico presenta frequentemente alterazioni genetiche che portano alla sovraespressione dei ligandi di PD-1, indicando una possibile vulnerabilità al blocco PD-1.
Lo studio di fase Ib KEYNOTE-013 ha testato la sicurezza e l'efficacia dell’anticorpo anti-PD-1 Pembrolizumab ( Keytruda ) nei pazienti con neoplasie ematologiche.
Sulla base della sua genetica, il linfoma di Hodgkin è stato incluso come una coorte indipendente.

Sono stati arruolati pazienti con linfoma di Hodgkin recidivo o refrattario la cui malattia è progredita durante o dopo il trattamento con Brentuximab vedotin ( Adcetris ).

I pazienti hanno ricevuto Pembrolizumab 10 mg/kg ogni 2 settimane, fino a quando si è verificata la progressione della malattia.

La risposta al trattamento è stata valutata alla settimana 12 e ogni 8 settimane.
Gli endpoint principali erano la sicurezza e il tasso di remissione completa ( CR ).

Sono stati arruolati 31 pazienti; il 55% aveva avuto più di 4 linee di terapia precedente, e il 71% aveva avuto recidiva dopo trapianto autologo di cellule staminali.

5 pazienti ( 16% ) hanno manifestato eventi avversi di grado 3 correlati al farmaco; non ci sono stati eventi avversi di grado 4 o decessi correlati al trattamento.

Il tasso di risposta completa è stato del 16%. Inoltre, il 48% dei pazienti ha raggiunto una remissione parziale, per un tasso di risposta globale del 65%.
La maggior parte delle risposte ( 70% ) è durata più di 24 settimane, con un follow-up mediano di 17 mesi.

Il tasso di sopravvivenza libera da progressione è stato del 69% a 24 settimane e del 46% a 52 settimane.

Le analisi dei biomarker hanno dimostrato una elevata prevalenza di espressione di PD-L1 e PD-L2, espansione indotta dal trattamento delle cellule T e delle cellule natural killer, e l'attivazione di interferone-gamma, recettore delle cellule T, e vie di segnalamento immuno-correlate espanse.

In conclusione, Pembrolizumab è risultato associato a un profilo di sicurezza favorevole.
Il trattamento con Pembrolizumab ha indotto risposte favorevoli in una coorte di pazienti pesantemente pretrattati, giustificando ulteriori studi. ( Xagena2016 )

Armand P et al, J Clin Oncol 2016; 34: 3733-3739

Onco2016 Emo2016 Farma2016


Indietro