ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Brentuximab vedotin con chemioterapia per linfoma di Hodgkin in stadio III o IV


Brentuximab vedotin ( Adcetris ) è un coniugato anticorpo-farmaco anti-CD30 che è stato approvato per il linfoma di Hodgkin recidivante e refrattario.
È stato condotto uno studio clinico di fase 3, randomizzato, multicentrico, in aperto, con pazienti con linfoma di Hodgkin classico in stadio III o IV non-trattato in precedenza, in cui 664 sono stati assegnati a ricevere Brentuximab vedotin, Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina ( A+AVD ) e 670 sono stati assegnati a ricevere Doxorubicina, Bleomicina, Vinblastina e Dacarbazina ( ABVD ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione modificata ( tempo a progressione, morte o risposta incompleta e uso di terapia antitumorale successiva ).
L'endpoint secondario chiave era la sopravvivenza globale.

A un follow-up mediano di 24.6 mesi, i tassi di sopravvivenza libera da progressione modificata a 2 anni nei gruppi A+AVD e ABVD sono stati, rispettivamente, pari all'82.1% e al 77.2%, una differenza di 4.9 punti percentuali ( hazard ratio per un evento di progressione, morte o progressione modificata, HR=0.77; P=0.04 ).

Ci sono stati 28 decessi con A+AVD e 39 con ABVD ( hazard ratio per sopravvivenza globale ad interim, HR=0.73; P=0.20 ).

Tutti gli endpoint secondari di efficacia sono stati a favore di A+AVD.

La neutropenia si è verificata nel 58% dei pazienti trattati con A+AVD e nel 45% di quelli trattati con ABVD; nel gruppo A+AVD, la percentuale di neutropenia febbrile è stata più bassa tra gli 83 pazienti che avevano ricevuto la profilassi primaria con fattore stimolante le colonie di granulociti ( G-CSF ), rispetto a quelli che non l'hanno ricevuta ( 11% vs 21% ).

La neuropatia periferica si è verificata nel 67% dei pazienti nel gruppo A+AVD e nel 43% dei pazienti nel gruppo ABVD; il 67% dei pazienti nel gruppo A+AVD con neuropatia periferica ha avuto una risoluzione o un miglioramento durante l'ultima visita di follow-up.

La tossicità polmonare di grado 3 o superiore è stata riportata in meno dell'1% dei pazienti trattati con A+AVD e nel 3% di quelli trattati con ABVD.

Tra i decessi verificatisi durante il trattamento, 7 su 9 nel gruppo A+AVD sono stati associati a neutropenia e 11 su 13 nel gruppo ABVD sono stati associati a tossicità correlata ai polmoni.

Il regime A+AVD ( Brentuximab vedotin, Doxorubicina, Vinblastina, e Dacarbazina ) ha mostrato una efficacia superiore al regime ABVD ( Doxorubicina, Bleomicina, Vinblastina, e Dacarbazina ) nel trattamento dei pazienti con linfoma di Hodgkin in stadio avanzato, con un rischio combinato minore di 4.9 punti percentuali di progressione, morte o risposta incompleta e di uso di successiva terapia antitumorale a 2 anni. ( Xagena2018 )

Connors JM et al, N Engl J Med 2018; 378: 331-344

Emo2018 Onco2018 Farma2018


Indietro