ELN 2018
Janssen Oncology
Roche
Ematobase.it

Caratteristiche cliniche e fattori di rischio associati alla gravità del COVID-19 nei pazienti con neoplasie ematologiche in Italia


Sono disponibili diversi piccoli studi su pazienti con COVID-19 e neoplasie ematologiche che hanno mostrato un'elevata mortalità in questa popolazione.
L'Italian Hematology Alliance su COVID-19 ha raccolto dati da pazienti adulti con neoplasie ematologiche che richiedevano ricovero per COVID-19.

Questo studio di coorte multicentrico, retrospettivo ha incluso pazienti adulti ( di età maggiore o uguale a 18 anni ) con diagnosi di neoplasia ematologica definita dall'OMS, ricoverati presso 66 ospedali italiani tra il 25 febbraio e il 18 maggio 2020, affetti da COVID-19 sintomatico e confermato in laboratorio.
Il valore limite dei dati per questa analisi era il 22 giugno 2020.

L'outcome primario era la mortalità e la valutazione dei potenziali parametri predittivi di mortalità. Sono stati calcolati i rapporti standardizzati di mortalità ( SMR ) tra la morte osservata nella coorte dello studio e la morte attesa applicando i tassi di mortalità specifici per strato della popolazione italiana con COVID-19 e una coorte italiana di 31993 pazienti con tumori maligni ematologici senza COVID-19 ( dati fino a 1 marzo, 2019 ).
Il modello dei rischi proporzionali di Cox multivariato è stato utilizzato per identificare i fattori associati alla sopravvivenza globale.

Sono stati arruolati 536 pazienti con un follow-up mediano di 20 giorni ( IQR 10-34 ) al cutoff dei dati, 85 ( 16% ) dei quali sono stati gestiti come pazienti ambulatoriali.
440 ( 98% ) dei 451 pazienti ospedalizzati hanno completato il corso ospedaliero ( sono stati dimessi vivi o sono deceduti ).
La mortalità ha riguardato 198 ( 37% ) su 536 pazienti.

Se confrontato con la popolazione italiana generale affetta da COVID-19, il rapporto standardizzato di mortalità è stato pari a 2.04 ( IC 95% 1.77-2.34 ) nell'intera coorte dello studio e 3.72 ( 2.86-4.64 ) negli individui di età inferiore ai 70 anni.

Quando confrontato con la coorte non-COVID-19 con neoplasie ematologiche, il rapporto standardizzato di mortalità era 41.3 ( 38.1-44.9 ).
Età avanzata ( hazard ratio, HR=1.03, IC 95% 1.01-1.05 ); stato di malattia progressiva ( HR=2.10, 1.41-3.12 ); diagnosi di leucemia mieloide acuta ( HR=3.49, 1.56-7.81 ), linfoma non-Hodgkin indolente ( HR=2.19, 1.07-4.48 ), linfoma non-Hodgkin aggressivo ( HR=2.56, 1.34-4.89 ), o neoplasie plasmacellulari ( HR=2.48, 1.31-4.69 ) e COVID-19 grave o critico ( HR=4.08, 2.73-6.09 ) sono stati associati a un peggioramento della sopravvivenza generale.

Questo studio si aggiunge all'evidenza che i pazienti con neoplasie ematologiche hanno esiti peggiori rispetto sia alla popolazione generale affetta da COVID-19 sia ai pazienti con neoplasie ematologiche senza COVID-19.
L'elevata mortalità tra i pazienti con neoplasie ematologiche ricoverati con COVID-19 evidenzia la necessità di strategie di prevenzione delle infezioni aggressive, almeno fino a quando non saranno disponibili strategie di vaccinazione o trattamento efficaci. ( Xagena2020 )

Passamonti F et al, Lancet Haematol 2020; S2352-3026 (20) 30251-9. doi: 10.1016 / S2352-3026 (20) 30251-9

Emo2020 Onco2020 Inf2020



Indietro