Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti Linfoma mantellare

Carfilzomib, Lenalidomide e Desametasone seguiti da mantenimento con Lenalidomide per la prevenzione del mieloma multiplo sintomatico nei pazienti con mieloma smoldering ad alto rischio


Il mieloma smoldering o asintomatico ad alto rischio presenta un rischio a 5 anni di progressione a mieloma multiplo sintomatico di circa il 75%.
Il trattamento con Lenalidomide riduce il rischio di progressione; tuttavia, i nuovi regimi di triplette sono superiori e la malattia precoce può essere più sensibile al trattamento.

È stato valutato l'uso di Carfilzomib ( Kyprolis ), Lenalidomide ( Revlimid ) e Desametasone ( KRd ) con la terapia di mantenimento con Lenalidomide come intervento precoce nel mieloma smoldering ad alto rischio, e sono stati determinati i tassi di risposta completa ( CR ) con malattia minima residua ( MRD ) negativa.

In questo studio controllato non-randomizzato di fase 2 a braccio singolo, in un singolo centro, le risposte sono state valutate ad ogni ciclo durante il trattamento con il regime KRd e successivamente ogni 3 cicli.
Le biopsie del midollo osseo e l'imaging sono state eseguite entro il ciclo 8 e poi annualmente.

Lo studio ha arruolato pazienti dal 2012 al 2020 presso il National Institutes of Health Clinical Center, un centro oncologico terziario altamente specializzato.
I principali criteri di ammissibilità del paziente includevano una diagnosi di mieloma smoldering ad alto rischio basata sui criteri della Mayo Clinic, Spanish e/o Rajkumar, Mateos e Landgren.

I pazienti hanno ricevuto 8 cicli di 4 settimane di Carfilzomib per via endovenosa 36 mg/m2 ( prime 2 dosi, 20 mg/m2 ), Desametasone ( 20 mg, cicli 1-4; 10 mg, cicli 5-8 due volte alla settimana ) e Lenalidomide 25 mg ( giorni 1-21 ) seguiti da 24 cicli di 28 giorni di mantenimento con Lenalidomide 10 mg ( giorni 1-21 ).
La raccolta e la conservazione delle cellule staminali erano facoltative.

L'esito primario era il tasso di risposta completa MRD-negativa. Gli esiti secondari chiave includevano la durata della risposta completa MRD-negativa e la progressione verso il mieloma multiplo.

In totale sono stati arruolati 54 pazienti ( età media, 59 anni; 30 uomini, 55.6%; e 2 asiatici, 3.7%, 15 neri, 27.8%, 1 ispanico, 1.9%, e 36 pazienti bianchi, 66.7% ), con un tempo di follow-up potenziale mediano di 31.9 mesi.

Il tasso di risposta completa MRD-negativa è stato del 70.4%, con una durata mediana sostenuta di 5.5 anni.
La probabilità a 8 anni di essere liberi dalla progressione al mieloma multiplo è stata del 91.2% e non si sono verificati decessi.

Eventi avversi non-ematologici di grado 3 si sono verificati in 21 pazienti ( 38.9% ) e includevano tromboembolia, rash e infezione polmonare, senza eventi di grado 4.

I risultati di questo studio controllato non-randomizzato di fase 2 hanno indicato che il trattamento del mieloma smoldering ad alto rischio con nuovi regimi di triplette, come KRd e la terapia di mantenimento con Lenalidomide, può alterare la storia naturale del mieloma smoldering ritardando significativamente lo sviluppo della malattia di organo terminale.
Sono necessari studi clinici randomizzati per confermare questo favorevole profilo rischio-beneficio. ( Xagena2021 )

Kazandjian D et al, JAMA Oncol 2021; 7: 1678-1685

Emo2021 Onco2021 Farma2021



Indietro