ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Carfilzomib migliora in modo significativo la sopravvivenza globale rispetto a Bortezomib nei pazienti con mieloma multiplo recidivato o refrattario


Sono stati presentati i risultati di una analisi ad interim pianificata di sopravvivenza globale ( OS ) dello studio di fase 3 ENDEAVOR. Lo studio ha raggiunto l'endpoint secondario della sopravvivenza globale, dimostrando che i pazienti affetti da mieloma multiplo recidivante o refrattario trattati con Carfilzomib ( Kyprolis ) e Desametasone [ regime CD ] vivevano 7.6 mesi in più rispetto a quelli trattati con Bortezomib ( Velcade ) e Desametasone [ regime BD ] ( sopravvivenza mediana globale di 47.6 mesi per Carfilzomib e Desametasone rispetto a 40.0 per Bortezomib e Desametasone; hazard ratio, HR = 0.79, IC 95%, 0.65-0.96 ).
Il regime CD somministrato con Carfilzomib 56 mg/m2, due volte alla settimana, è già stato approvato negli Stati Uniti, Unione Europea e altri Paesi sulla base dell'analisi primaria di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) nello studio ENDEAVOR.

Questi risultati hanno confermato la superiorità di Carfilzomib rispetto a Bortezomib nei pazienti con mieloma multiplo recidivato o refrattario.
ENDEAVOR è l'unico studio a dimostrare un beneficio di sopravvivenza in un confronto testa-a-testa con uno standard cura.

Gli eventi avversi osservati in questa analisi aggiornata sono in linea con quelli precedentemente riportati per ENDEAVOR.
Gli eventi avversi più comuni ( maggiori o uguali al 20% ) nel braccio Carfilzomib sono stati: anemia, diarrea, piressia, dispnea, astenia, ipertensione, tosse, insonnia, infezione del tratto respiratorio superiore, edema periferico, nausea, bronchite, astenia, lombalgia, trombocitopenia e cefalea.

Lo studio randomizzato ENDEAVOR ( RandomizEd, OpeN Label, Phase 3 Study of Carfilzomib Plus DExamethAsone Vs Bortezomib Plus DexamethasOne in Patients With Relapsed Multiple Myeloma ), che ha coinvolto 929 pazienti, ha valutato Carfilzomib in combinazione con basse dosi di Desametasone, rispetto a Bortezomib con basse dosi di Desametasone, in pazienti il cui mieloma multiplo era recidivato dopo almeno uno, ma non più di tre precedenti regimi terapeutici.
L'endpoint primario dello studio era la sopravvivenza libera da progressione, definita come il tempo tra l'inizio del trattamento alla progressione della malattia o alla morte.

I pazienti hanno ricevuto, fino alla progressione, Carfilzomib ( 30 minuti di infusione nei giorni 1, 2, 8, 9, 15 e 16 di cicli di trattamento di 28 giorni ) assieme a basse dosi di Desametasone ( 20 mg ).
Per un solo ciclo, Carfilzomib è stato somministrato a 20 mg/m2 nei giorni 1 e 2, e se la dose era tollerata è stata aumentata a 56 mg/m2 dal giorno 8 del primo ciclo in poi.
I pazienti che hanno ricevuto Bortezomib ( 1.3 mg/m2 ) con Desametasone a basso dosaggio ( 20 mg ) sono stati trattati con Bortezomib somministrato per via sottocutanea o per via endovenosa a discrezione dello sperimentatore e in conformità con l'approvazione della regolamentazione regionale di Bortezomib. Più del 75% dei pazienti nel braccio di controllo ha ricevuto Bortezomib per via sottocutanea.
Questo studio è stato condotto in 235 Centri in tutto il mondo.

Il mieloma multiplo è un tumore ematologico incurabile, caratterizzato da uno schema ricorrente di remissioni e ricadute. Si tratta di una malattia rara e molto aggressiva che rappresenta circa l'1% di tutti i tumori.
Negli Stati Uniti, ci sono quasi 95.000 persone che vivono con, o in remissione da, mieloma multiplo.
Ogni anno a circa 30.000 statunitensi viene fatta diagnosi di mieloma multiplo, e 12.650 pazienti muoiono.

I proteasomi svolgono un ruolo importante nella funzione cellulare e nella crescita, degradando le proteine che sono danneggiate o non più necessarie.
Carfilzomib ha dimostrato di bloccare i proteasomi, con un conseguente accumulo di proteine all'interno delle cellule.
In alcune cellule, Carfilzomib può causare morte cellulare, in particolare nelle cellule di mieloma perché hanno una maggiore probabilità di contenere una più alta quantità di proteine anomale. ( Xagena2017 )

Fonte: Amgen 2017

Emo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro