Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Condizionamento con G-CSF Decitabina e Busulfan - Ciclofosfamide versus condizionamento con Busulfan - Ciclofosfamide sulla recidiva nei pazienti con sindrome mielodisplastica o leucemia mieloide acuta secondaria, sottoposti a trapianto HSCT


La recidiva rimane elevata nei pazienti con sindrome mielodisplastica - anemia refrattaria con eccesso di blasti ( RAEB ) o leucemia mieloide acuta secondaria a una precedente sindrome mielodisplastica, sottoposti a trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche ( HSCT ).

Si è determinato se il condizionamento con fattore stimolante le colonie di granulociti ( G-CSF ) e Decitabina più Busulfan - Ciclofosfamide riduca le recidive rispetto a Busulfan - Ciclofosfamide in questa popolazione.

È stato condotto uno studio di fase 3 in aperto, randomizzato, in sei ospedali in Cina.
I pazienti eleggibili di età compresa tra 14 e 65 anni presentavano sindrome mielodisplastica - anemia refrattaria con eccesso di blasti o leucemia mieloide acuta secondaria a una precedente sindrome mielodisplastica e un ECOG performance status di 0-2 e un indice di comorbilità HSCT di 0-2.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere condizionamento con fattore G-CSF, Decitabina e Busulfan-Ciclofosfamide o condizionamento con solo Busulfan-Ciclofosfamide.
La randomizzazione è stata effettuata senza stratificazione.

Il condizionamento con fattore G-CSF, Decitabina e Busulfan-Ciclofosfamide comprendeva G-CSF 5 microg/kg al giorno per via sottocutanea ( giorni da -17 a -10 ), Decitabina 20 mg/m2 al giorno per via endovenosa ( giorni da -14 a -10 ), Busulfan 3.2 mg/kg al giorno per via endovenosa ( giorni da -7 a -4 ) e Ciclofosfamide 60 mg/kg al giorno per via endovenosa ( giorni -3 e -2 ).

Il condizionamento con Busulfan-Ciclofosfamide comprendeva la stessa dose e la stessa durata di Busulfan e Ciclofosfamide.

L'endpoint primario era rappresentato dall'incidenza cumulativa a 2 anni di recidiva. Tutti gli endpoint di efficacia e sicurezza sono stati valutati nella popolazione intent-to-treat ( ITT ).

Tra il 2016 e il 2019, 297 pazienti sono stati sottoposti a screening per l'idoneità, 202 dei quali sono stati assegnati in modo casuale a fattore G-CSF, Decitabina e Busulfan-Ciclofosfamide ( n=101 ) o condizionamento con solo Busulfan-Ciclofosfamide ( n=101 ). 123 partecipanti ( 61% ) erano maschi e 79 ( 31% ) erano femmine.
Il follow-up mediano è stato di 32.4 mesi.

L'incidenza cumulativa di recidiva a 2 anni è stata del 10.9% nel gruppo G-CSF, Decitabina e Busulfan-Ciclofosfamide e del 24.8% nel gruppo Busulfan-Ciclofosfamide ( hazard ratio, HR=0.39; P=0.011 ).

Entro 100 giorni dal trapianto, gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni nel gruppo G-CSF, Decitabina e Busulfan-Ciclofosfamide e il gruppo Busulfan-Ciclofosfamide sono stati; infezioni ( 34, 34%, e 32, 32% ), malattia acuta del trapianto contro l'ospite ( 30, 30%, e 30, 30% ) e tossicità gastrointestinale ( 28, 28%, e 29, 29% ).

In tutto 11 pazienti ( 11% ) nel gruppo G-CSF, Decitabina e Busulfan-Ciclofosfamide e 13 ( 13% ) nel gruppo Busulfan-Ciclofosfamide sono morti per eventi avversi.
Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

I risultati hanno indicato che il condizionamento con G-CSF, Decitabina e Busulfan-Ciclofosfamide è una scelta migliore rispetto al condizionamento basato solo su Busulfan-Ciclofosfamide per i pazienti con sindrome mielodisplastica - anemia refrattaria con eccesso di blasti o leucemia mieloide acuta secondaria a sindrome mielodisplastica sottoposti a HSCT allogenico.
Questo condizionamento potrebbe rappresentare un'opzione terapeutica adatta per questa popolazione di pazienti. ( Xagena2023 )

Xuan L et al, Lancet Haematology 2023; 10: 178-190

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro