Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Ematologia Amgen

Consolidamento e mantenimento nel mieloma multiplo di nuova diagnosi


È stato affrontato il ruolo del trattamento di consolidamento per i pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi e idonei al trapianto in uno studio clinico controllato.

Lo studio EMN02/HOVON95 ha confrontato il trattamento di consolidamento con due cicli di Bortezomib ( Velcade ), Lenalidomide e Desametasone ( regime VRD ) o nessun consolidamento dopo terapia di induzione e intensificazione, seguito da mantenimento continuo con Lenalidomide.

L'endpoint primario dello studio era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).

In tutto 878 pazienti idonei sono stati assegnati in modo casuale a ricevere il consolidamento VRD ( 451 pazienti ) o nessun consolidamento ( 427 pazienti ).

A un follow-up mediano di 74.8 mesi, la sopravvivenza mediana libera da progressione con aggiustamento per il pretrattamento è risultata prolungata nei pazienti assegnati in modo casuale al consolidamento con VRD ( 59.3 vs 42.9 mesi; hazard ratio, HR=0.81; P=0.016 ).

Il beneficio in termini di sopravvivenza libera da progressione è stato osservato nella maggior parte dei sottogruppi predefiniti, incluso lo stadio ISS ( International Staging System ) rivisto, la citogenetica e il trattamento precedente.

Lo stadio ISS3 rivisto ( HR=2.00 ) e ampl1q ( HR=1.67 ) erano fattori prognostici avversi significativi.

La durata mediana del mantenimento è stata di 33 mesi.

La risposta maggiore o uguale alla risposta completa ( CR ) dopo il consolidamento rispetto a nessun consolidamento prima dell'inizio del mantenimento è stata del 34% contro il 18%, rispettivamente ( P minore di 0.001 ).

La risposta maggiore o uguale alla risposta completa sul protocollo incluso il mantenimento è stata del 59% con il consolidamento e del 46% senza ( P minore di 0.001 ).

L'analisi della malattia residua minima mediante citometria a flusso in un sottogruppo di 226 pazienti con risposta completa o risposta completa rigorosa o risposta parziale molto buona prima dell'inizio del mantenimento ha dimostrato un tasso di negatività della malattia residua minima del 74% nei pazienti trattati con regime VRD.
La tossicità da VRD è risultata accettabile e gestibile.

Il trattamento di consolidamento con il regime VRD seguito dal mantenimento con Lenalidomide migliora la sopravvivenza libera da progressione e la profondità della risposta nei pazienti di nuova diagnosi con mieloma multiplo rispetto al solo mantenimento. ( Xagena2021 )

Sonneveld P et al, J Clin Oncol 2021; 39: 3613-3622

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro