Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

CPX-351 nella sindrome mielodisplastica ad alto rischio e nella leucemia mielomonocitica cronica


CPX-351, una forma incapsulata di Citarabina e Daunorubicina, ha mostrato una maggiore efficacia rispetto alla classica somministrazione del trattamento 3+7 nella leucemia mieloide acuta secondaria.

Dato che la sindrome mielodisplastica ad alto rischio e la leucemia mielomonocitica cronica condividono somiglianze con la leucemia mieloide acuta secondaria, sono state studiate la sicurezza e l’efficacia di CPX-351 in questo contesto.

Uno studio di fase 2 a due coorti avviato dallo sperimentatore è stato condotto dal Groupe Francophone des Myélodysplasies, con 12 Centri partecipanti in Francia.

Lo studio comprendeva la coorte A ( qui riportata e completata ), che includeva pazienti in trattamento di prima linea, e la coorte B, che è stata interrotta per mancanza di inclusione ( non abbastanza pazienti soddisfacevano i criteri di inclusione ), per pazienti con fallimento dell'agente ipometilante che non è qui riportato.

La coorte A ha arruolato pazienti con sindrome mielodisplastica ad alto rischio di nuova diagnosi o leucemia mielomonocitica cronica ( di età compresa tra 18 e 70 anni ) con un ECOG performance status pari a 0-1.

CPX-351 per via endovenosa ( 100 mg/m2 Citarabina e 44 mg/m2 Daunorubicina ) è stato somministrato nei giorni 1, 3 e 5, con un secondo ciclo di induzione somministrato ( stessa dose giornaliera nei giorni 1 e 3 ) se non veniva raggiunta almeno una risposta parziale.

I pazienti che rispondevano potevano ricevere fino a 4 cicli mensili di consolidamento ( stessa dose giornaliera il giorno 1 ) o trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche ( HSCT ).

Il tasso di risposta globale dopo uno o due cicli di induzione secondo European LeukemiaNet 2017 ( ELN 2027 ) Acute Myeloid Leukemia ( AML ) era l’endpoint primario dopo l’induzione con CPX-351, indipendentemente dal fatto che i pazienti ricevessero uno o due cicli di induzione.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti arruolati ( nella coorte A ).

Tra aprile 2020 e febbraio 2021 sono stati arruolati 21 pazienti maschi ( 68% ) e 10 pazienti femmine ( 32% ).

Hanno risposto 27 pazienti su 31 ( 87% ). 16 dei 31 pazienti ( 52% ) hanno ricevuto almeno un ciclo di consolidamento.
30 dei 31 pazienti inclusi ( 97% ) sono stati inizialmente considerati eleggibili per il trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche e 29 dei 31 pazienti ( 94% ) sono stati sottoposti alla procedura.

Il follow-up mediano è stato di 16.1 mesi.

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati polmonari ( 8 su 31 pazienti, 26% ) e cardiovascolari ( 6 su 31 pazienti, 19% ).
Si sono verificati 14 eventi avversi gravi ( principalmente ospedalizzazioni per infezione, n=5, e solo uno correlato al trattamento ) e nessun decesso correlato al trattamento.

CPX-351 sembra essere attivo e sicuro nei pazienti con sindrome mielodisplastica ad alto rischio e leucemia mielomonocitica cronica, consentendo il passaggio al trapianto allogenico nella maggior parte dei pazienti. ( Xagena2023 )

Peterlin P et al, Lancet Haematology 2023; 10: 521-529

Emo2023 Onco2023 Pedia2023 Farma2023



Indietro