Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Daratumumab, Ciclofosfamide, Bortezomib, Lenalidomide e Desametasone come induzione e consolidamento prolungato migliorano l'esito nel mieloma multiplo ad altissimo rischio


Lo studio multicentrico di fase II OPTIMUM ( MUKnine ) ha studiato Daratumumab ( Dara ), Ciclofosfamide ( C ) a basso dosaggio, Lenalidomide ( R ), Bortezomib ( V ) e Desametasone ( d ) ( Dara-CVRd ) prima e dopo il trapianto autologo di cellule staminali ( ASCT ) nei pazienti con nuova diagnosi di mieloma multiplo ( NDMM ) a rischio altissimo ( UHiR ) molecolarmente definito, o leucemia plasmacellulare ( PCL ).

Per fornire un contesto clinico, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) sono state riferite agli esiti contemporanei osservati nei pazienti con nuova diagnosi di mieloma multiplo a rischio altissimo trattati nello studio Myeloma XI ( MyeXI ).

I pazienti con nuova diagnosi di mieloma multiplo idonei al trapianto sono stati profilati per la malattia a rischio altissimo, definita dalla presenza di due o più marcatori di rischio genetico t(4;14)/t(14;16)/t(14;20), del(1p), gain(1q) e del(17p) e/o firma del rischio di espressione genetica SKY92.

Ai pazienti con mieloma multiplo a rischio altissimo / leucemia plasmacellulare è stato offerto il trattamento di induzione con Dara-CVRd, trapianto autologo di cellule staminali con V-aumentato, consolidamento esteso con Dara-VR(d) e mantenimento con Dara-R.

I pazienti a rischio altissimo trattati in MyeXI con Carfilzomib, Lenalidomide, Desametasone e Ciclofosfamide, o Lenalidomide, Desametasone e Ciclofosfamide, trapianto autologo di cellule staminali e mantenimento con R o osservazione sono stati identificati mediante screening molecolare speculare.

La sopravvivenza libera da progressione di OPTIMUM a 18 mesi ( PFS18m ) è stata confrontata con MyeXI utilizzando un quadro bayesiano e i pazienti sono stati seguiti fino alla fine del consolidamento per sopravvivenza senza progressione e sopravvivenza globale.

Dei 412 pazienti con nuova diagnosi di mieloma multiplo OPTIMUM sottoposti a screening, 103 sono stati identificati come a rischio altissimo o con leucemia plasmacellulare e successivamente trattati nello studio con Dara-CVRd; 117 pazienti MyeXI identificati come a rischio altissimo hanno formato il braccio di confronto esterno, con caratteristiche cliniche e molecolari paragonabili a OPTIMUM.

Il confronto tra PFS18m per quadro bayesiano ha prodotto una probabilità del 99.5% che OPTIMUM sia superiore a MyeXI.

Al follow-up di 30 mesi, la sopravvivenza libera da progressione è risultata rispettivamente del 77% per OPTIMUM rispetto al 39.8% per MyeXI, e la sopravvivenza globale è stata pari a 83.5% rispetto a 73.5%.

La terapia di consolidamento estesa post-trapianto autologo di cellule staminali Dara-VRd è stata altamente erogabile, con una tossicità limitata.

I risultati hanno indicato che l’induzione di Dara-CVRd e il consolidamento esteso di Dara-VRd post-trapianto autologo di cellule staminali migliorano notevolmente la sopravvivenza libera da progressione per i pazienti con nuova diagnosi di mieloma multiplo a rischio altissimo rispetto alla gestione convenzionale, supportando un’ulteriore valutazione di questa strategia. ( Xagena2023 )

Kaiser MF et al, J Clin Oncol 2023; 41: 3945-3955

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro