Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Janssen Oncology

Dasatinib a basso dosaggio nei pazienti più anziani con leucemia mieloide cronica in fase cronica: studio DAVLEC


Gli inibitori della tirosin-chinasi ( TKI ) di BCR-ABL1 sono comunemente impiegati nei pazienti più anziani con leucemia mieloide cronica nella fase cronica a dosi standard.
Tuttavia, a causa del loro profilo di sicurezza in questa popolazione, non è stata stabilita una terapia appropriata.
Si è determinato se una dose di Dasatinib ( Sprycel ) inferiore a quella standard fosse una terapia appropriata per i pazienti più anziani con leucemia mieloide cronica nella fase cronica.

DAVLEC ( DAsatinib, Very Low-dose, for Elderly CML-CP patients ) era uno studio multicentrico, a braccio singolo, di fase 2 condotto in 25 ospedali giapponesi.
Sono stati arruolati pazienti di età superiore a 70 anni con leucemia mieloide cronica di nuova diagnosi in fase cronica, ECOG performance status 0-2 e nessun precedente trattamento per la leucemia mieloide cronica diverso dall'Idrossiurea entro 4 settimane.

Dasatinib, un inibitore della tirosin-chinasi di seconda generazione, è stato somministrato per via orale a una dose iniziale del 20% della dose standard ( 20 mg/die ).
Se il trattamento era valutato come risposta ottimale a 3 mesi, 6 mesi e 9 mesi e gli eventi avversi erano di grado 2 o superiore ( secondo i criteri Common Toxicity Criteria versione 4.0 dell'NCI [ Nationl Cancer Institute ] ), si continuava con la stessa dose.

Se la risposta era subottimale e gli eventi avversi erano di grado 2 o migliore, la dose veniva aumentata di 20 mg/die.
Una volta effettuata una riduzione della dose a causa di un evento avverso di grado 3 o peggiore, non ci sono stati ulteriori aumenti della dose.
Il trattamento veniva interrotto se valutato come fallimento ( progressione della malattia alla fase accelerata o alla fase acuta ).

L'endpoint primario era il raggiungimento della risposta molecolare maggiore a 12 mesi, valutata utilizzando un'analisi per protocollo.

Tra il 2016 e il 2019, 52 pazienti hanno ricevuto la terapia di prima linea con Dasatinib a 20 mg/die. L'età media alla diagnosi era di 77.5 anni. 35 pazienti ( 67% ) erano maschi e 17 ( 33% ) erano femmine.
31 su 52 pazienti ( 60% ) hanno raggiunto una risposta molecolare maggiore a 12 mesi, con un follow-up mediano di 366 giorni.

Eventi avversi di grado 3-4 sono stati segnalati in 12 pazienti ( 23% ). La neutropenia è stata l'evento avverso di grado 3-4 più frequente, e si è verificata in 3 pazienti ( 6% ).
Non sono stati osservati decessi correlati al trattamento.

Dasatinib a basso dosaggio a 20 mg/die è degno di considerazione come dose iniziale per i pazienti più anziani con leucemia mieloide cronica di nuova diagnosi in fase cronica. Tuttavia, questa dose deve essere ulteriormente studiata in una coorte più ampia e con una popolazione più etnicamente diversificata. ( Xagena2021 )

Murai K et al, Lancet Haematology 2021, 8: 902-911

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro