Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Passamonti Linfoma mantellare

Dasatinib con chemioterapia intensiva nella leucemia linfoblastica acuta pediatrica de novo con cromosoma Philadelphia positivo


L'esito dei bambini con leucemia linfoblastica acuta con cromosoma Philadelphia positivo ( Ph-positivo ) è migliorato significativamente con la combinazione di Imatinib e chemioterapia intensiva.

Uno studio ha valutato l'efficacia di Dasatinib ( Sprycel ), un inibitore di classe ABL di seconda generazione, con chemioterapia intensiva nei bambini con leucemia linfoblastica acuta Ph-positiva di nuova diagnosi.

CA180-372/COG AALL1122 è stato uno studio congiunto del Children's Oncology Group ( COG ) e di uno studio intergruppo europeo sul trattamento post-induzione della leucemia linfoblastica acuta Ph-positiva ( EsPhALL ) di fase 2, in aperto, a braccio singolo.

I pazienti eleggibili ( di età compresa tra più di 1 anno e meno di 18 anni ) con leucemia linfoblastica acuta Ph-positiva di nuova diagnosi e performance status di almeno il 60% hanno ricevuto chemioterapia EsPhALL più Dasatinib 60 mg/m2 per via orale una volta al giorno dal giorno 15 dell'induzione.

I pazienti con malattia minima residua di almeno lo 0.05% dopo l'induzione 1B o che erano positivi per malattia minima residua dopo i tre blocchi di consolidamento sono stati classificati come ad alto rischio e assegnati a ricevere il trapianto di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ) in prima remissione completa.

I restanti pazienti sono stati considerati a rischio standard e hanno ricevuto chemioterapia più Dasatinib per 2 anni.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da eventi a 3 anni di Dasatinib più chemioterapia rispetto ai controlli storici esterni.

Lo studio sarebbe stato considerato positivo se fosse stata soddisfatta una delle seguenti condizioni: superiorità rispetto alla sola chemioterapia nel gruppo ad alto rischio AIEOP-BFM 2000; o non-inferiorità ( con un margine di -5% ) o superiorità rispetto a Imatinib più chemioterapia nella coorte EsPhALL 2010.

Tutti i partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose di Dasatinib sono stati inclusi nelle analisi di sicurezza ed efficacia.

Tra il 2012 e il 2014, 109 pazienti sono stati arruolati in 69 Centri ( inclusi 51 Centri COG negli Stati Uniti, Canada e Australia e 18 Centri EsPhALL in Italia e nel Regno Unito ).
3 pazienti non erano idonei e non hanno ricevuto Dasatinib.

Sono stati trattati e inclusi nelle analisi 106 pazienti ( 49 femmine, 46%, e 57 maschi, 54%; 85 bianchi, 80%, 13 neri o afroamericani, 12%, 5 asiatici, 5%, e 3, 3%, altre etnie; 24 etnia ispanica o latina, 23% ).

Tutti i 106 pazienti trattati hanno raggiunto la remissione completa; 87 ( 82% ) sono stati classificati come a rischio standard e 19 ( 18% ) hanno soddisfatto i criteri per il trapianto HSCT e sono stati classificati ad alto rischio, ma solo 15 ( 14% ) hanno ricevuto il trapianto di cellule staminali ematopoietiche in prima remissione completa.

La sopravvivenza libera da eventi a 3 anni di Dasatinib più chemioterapia è stata superiore alla sola chemioterapia ( 65.5% vs 49.2%; P=0.032 ) ed è risultata non-inferiore a Imatinib più chemioterapia ( 59.1% ), ma non-superiore a Imatinib più chemioterapia ( 65.5% vs 59.1%; P=0.27 ).

Gli eventi avversi di grado 3-5 più frequenti sono stati: neutropenia febbrile ( n=93 ) e batteriemia ( n=21 ).

Si sono verificati 9 decessi in remissione dovuti a infezioni ( n=5 ), correlati al trapianto ( n=2 ), ad arresto cardiaco ( n=1 ) o con causa sconosciuta ( n=1 ).
Non si sono verificati decessi correlati a Dasatinib.

Dasatinib più chemioterapia EsPhALL è sicuro e attivo nella leucemia linfoblastica acuta pediatrica Ph-positiva. La sopravvivenza libera da eventi a 3 anni è stata simile a quella dei precedenti studi sulla leucemia linfoblastica acuta Ph-positiva, nonostante l'uso limitato del trapianto di cellule staminali emopoietiche nella prima remissione completa. ( Xagena2023 )

Hunger SP et al, Lancet Haematology 2023; 10: 510-520

Emo2023 Onco2023 Pedia2023 Farma2023



Indietro