Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Janssen Oncology

Deplezione delle cellule T naive per prevenire la malattia cronica del trapianto contro l'ospite


La malattia del trapianto contro l'ospite ( GVHD ) causa morbilità e mortalità a seguito di trapianto di cellule ematopoietiche allogeniche.
Le cellule T naive ( non ancora differenziati ) causano una grave malattia GVHD nei modelli murini.

È stata valutata la malattia del trapianto contro l'ospite cronica ( cGVHD ) e altri esiti in tre studi clinici di fase II sugli innesti di cellule staminali del sangue periferico ( PBSC ) con deplezione delle cellule T naive.

In tutto 138 pazienti con leucemia acuta hanno ricevuto cellule staminali da sangue periferico con cellule T naive deplete da donatori imparentati o non-imparentati HLA-abbinati dopo il condizionamento con irradiazione corporea e chemioterapia a dosi elevate o intermedie.
La profilassi della malattia del trapianto contro l'ospite è stata fatta con Tacrolimus, con o senza Metotrexato o Micofenolato mofetile.

I soggetti hanno ricevuto cellule staminali del sangue periferico selezionate per CD34 e una dose definita di cellule T di memoria deplete di cellule T naive.

Il follow-up mediano è stato di 4 anni.

L'esito primario dell'analisi dei dati cumulativi dei tre studi era malattia del trapianto contro l'ospite cronica.

La malattia del trapianto contro l'ospite cronica era molto rara e di grado lieve ( incidenza cumulativa totale a 3 anni, 7%; moderata, 1%; grave, 0% ).

La malattia del trapianto contro l'ospite acuta di grado III e IV ( aGVHD ) si è verificata rispettivamente nel 4% e nello 0%.
L'incidenza cumulativa di malattia del trapianto contro l'ospite acuta di grado II, che era principalmente malattia GVHD del tratto gastrointestinale superiore di stadio 1, è stata del 71%.

I destinatari di trapianti da donatore abbinato imparentato e da donatore abbinato non-imparentato hanno mostrato tassi simili di malattia del trapianto contro l'ospite acuta di grado III ( 5% e 4% ) e malattia del trapianto contro l'ospite cronica ( 7% e 6% ).

La sopravvivenza globale, la sopravvivenza libera da malattia del trapianto contro l'ospite cronica, la sopravvivenza libera da recidiva, la recidiva e la mortalità non-dovuta a recidiva sono state, rispettivamente, 77%, 68%, 23% e 8% a 3 anni.

La deplezione delle cellule T naive da allotrapianti di cellule staminali da sangue periferico si traduce in un'incidenza molto bassa di qualsiasi malattia del trapianto contro l'ospite cronica e acuta grave, senza apparenti rischi di eccesso di mortalità da recidiva o non recidiva, distinguendo questa nuova strategia di ingegneria dell'innesto da altri approcci di trapianto di cellule ematopoietiche. ( Xagena2022 )

Bleakley M et al, J Clin Oncol 2022; 40: 1174-1185

Emo2022



Indietro