Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Passamonti Linfoma mantellare

Determinanti del sanguinamento prima e durante la tolleranza immunitaria nei ragazzi con emofilia A grave e inibitori superiori a 5 unità Bethesda


La prevenzione del sanguinamento e delle sue conseguenze è l’obiettivo principale del trattamento dell’emofilia e determina le scelte terapeutiche per i pazienti che sviluppano inibitori.

Per valutare il sanguinamento prima e durante l’induzione della tolleranza immunitaria ( ITI ) e la sua associazione con il regime di induzione della tolleranza immunitaria e il titolo degli inibitori, sono stati selezionati e analizzati i dati sui pazienti trattati con inibitori ad alto titolo dallo studio prospettico internazionale di coorte PedNet.

In totale, 222 pazienti con emofilia A grave e titoli di inibitori superiori a 5 unità Bethesda ( BU ) sono stati seguiti dal primo risultato positivo al primo risultato negativo dell'inibitore ( follow-up complessivo mediano, 1.7 anni ).

I tassi medi annuali di sanguinamento ( articolare ) ( AJBR ) sono stati confrontati in base al trattamento e al titolo dell'inibitore utilizzando la regressione binomiale negativa multivariata.

Prima dell’induzione della tolleranza immunitaria, 115 pazienti mostravano un tasso annuale di sanguinamento di 6.1 e un tasso annuale di sanguinamento articolare di 2.6.

Il sanguinamento era indipendente dal titolo dell’inibitore. Durante l'induzione della tolleranza immunitaria, 202 pazienti avevano un tasso annuale di sanguinamento di 4.4 e un tasso annuale di sanguinamento articolare di 1.7.

Il tasso annuale di sanguinamento articolare durante l'induzione della tolleranza immunitaria aumentava con il titolo dell'inibitore ( hazard ratio, HR per 200 o più unità Bethesda vs 5-39 unità Bethesda ) e diminuiva con le infusioni giornaliere di induzione della tolleranza immunitaria ( HR, 0.4 ) o profilassi con concentrato del complesso protrombinico attivato ( HR, 0.4 ), mentre la dose di induzione della tolleranza immunitaria e la profilassi con fattore VII attivato ricombinante non hanno influenzato in modo indipendente il sanguinamento.

Questi dati hanno fornito evidenza di un effetto protettivo delle infusioni ripetute di Fattore VIII ( FVIII ) ( induzione della tolleranza immunitaria ) sul sanguinamento nei pazienti che hanno sviluppato inibitori; questi dati dovrebbero essere utilizzati per pianificare l'induzione della tolleranza immunitaria e/o servire come comparatore per la profilassi con la terapia non-sostitutiva. ( Xagena2024 )

Fischer K et al, Blood Adv 2024; 8: 369-377

Emo2024 Farma2024



Indietro