Janssen Oncology
GSK Ematologia
Ematologia Amgen
Celgene Ematologia

Effetto del Dexrazoxano sulla funzione sistolica ventricolare sinistra e sugli esiti del trattamento nei pazienti con leucemia mieloide acuta: un rapporto del Children’s Oncology Group


Si è determinato se il Dexrazoxano ( Cardioxane ) sia in grado di fornire una efficace cardioprotezione durante il trattamento di prima linea della leucemia mieloide acuta ( AML ) pediatrica senza aumentare il rischio di recidiva o tossicità non-cardiache dei regimi chemioterapici.

È stato condotto uno studio multicentrico di tutti i pazienti pediatrici con leucemia mieloide acuta senza alto rapporto allelico FLT3 / ITD trattati nello studio AAML1031 del Children’s Oncology Group tra il 2011 e il 2016.

Il follow-up mediano è stato di 3.5 anni.

Il Dexrazoxano è stato somministrato a discrezione dei medici curanti e documentato ad ogni ciclo.
La frazione di eiezione ( EF ) e la frazione di accorciamento ( SF ) sono state registrate dopo ogni ciclo e ad intervalli regolari nel follow-up.
Per protocollo, le antracicline dovevano essere sospese se c'era evidenza di disfunzione ventricolare sinistra sistolica ( LVSD ) definita come frazione di accorciamento inferiore al 28% o frazione di eiezione inferiore al 55%.

Il verificarsi di disfunzione LVSD, le tendenze nella frazione di eiezione e nella frazione di accorciamento, la sopravvivenza libera da eventi a 5 anni ( EFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) e la mortalità correlata al trattamento ( TRM ) sono state confrontate in base all'esposizione a Dexrazoxano.

In totale 1.014 pazienti sono stati inclusi nelle analisi; 96 sono stati esposti a Dexrazoxano ad ogni ciclo di antracicline e 918 non lo sono mai stati.
Le distribuzioni di sesso, età, etnia, conta leucocitaria alla presentazione, gruppo di rischio, braccio di trattamento e compliance con il monitoraggio cardiaco sono state simili per i pazienti esposti e non-esposti a Dexrazoxano.

I pazienti esposti a Dexrazoxano hanno avuto cali della frazione di eiezione e della frazione di accorciamento significativamente inferiori rispetto ai pazienti non-esposti durante i cicli, e un rischio inferiore di disfunzione LVSD ( 26.5% vs 42.2%; hazard ratio, HR=0.55; P=0.009 ).

I pazienti esposti a Dexrazoxano hanno presentato sopravvivenza libera da eventi ( 49.0% vs 45.1%; P=0.534 ) e sopravvivenza globale ( 65.0% vs 61.9%; P=0.613 ) a 5 anni simile a quelli non-esposti; tuttavia, c'è stato un indizio di mortalità correlata al trattamento inferiore con Dexrazoxano ( 5.7% vs 12.7%; P=0.068 ).

In conclusione, Dexrazoxano ha preservato la funzione cardiaca senza compromettere la sopravvivenza senza eventi e la sopravvivenza globale o aumentare le tossicità non-cardiache.
Dexrazoxano deve essere preso in considerazione per la cardioprotezione durante il trattamento di prima linea della leucemia mieloide acuta pediatrica. ( Xagena2020 )

Getz KD et al, Journal of Clinical Oncology 2020; 38: 2398-2406

Emo2020 Onco2020 Cardio2020 Farma2020


Indietro