ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Efficacia a lungo termine del trattamento a bassa intensità versus condizionamento mieloablativo prima del trapianto allogenico di cellule emopoietiche nei pazienti con leucemia mieloide acuta in prima remissione completa


L'impatto dell'intensità del condizionamento prima del trapianto allogenico di cellule emopoietiche ( HCT ) è stato esaminato in uno studio randomizzato di fase 3 che ha confrontato il condizionamento a intensità ridotta con il condizionamento mieloablativo nei pazienti con leucemia mieloide acuta in prima remissione completa.

A causa del breve follow-up della sperimentazione originale, non è chiaro se il condizionamento a bassa intensità aumenti il rischio di recidiva tardiva rispetto al condizionamento mieloablativo.
Per rispondere a questa domanda, sono stati presentati i dati retrospettivi di follow-up a 10 anni di un nuovo studio.

Lo studio randomizzato di fase 3 originale comprendeva pazienti di età compresa tra 18 e 60 anni, con leucemia mieloide acuta a rischio intermedio o ad alto rischio, una funzione adeguata d'organo e un donatore fratello HLA-abbinato o un donatore non-imparentato con almeno 9 su 10 alleli HLA abbinati.

I pazienti sono stati randomizzati a 120 mg/m2 di Fludarabina combinata con 4 dosi di 2 Gy di irradiazione totale del corpo ( condizionamento a intensità ridotta ) o 6 dosi di 2 Gy di irradiazione totale del corpo e 120 mg/kg di Ciclofosfamide ( condizionamento mieloablativo ).

Gli endpoint di efficacia primaria e secondaria di questo studio sono stati pubblicati in precedenza.

In questa analisi di follow-up a lungo termine retrospettiva, i dati sono stati raccolti dai referti medici dei singoli Centri di studio partecipanti e dalle interviste a medici e pazienti.

Gli endpoint inclusi in questa analisi sono stati l'incidenza cumulativa delle recidive, la sopravvivenza globale, la sopravvivenza libera da malattia e la mortalità senza recidiva nella popolazione dello studio originale e nei pazienti vivi e senza recidiva a 12 mesi dal trapianto di cellule ematopoietiche ( analisi di riferimento ).

I tassi a 10 anni per gli eventi sono stati calcolati nella popolazione intention-to-treat e sono stati confrontati con il test Gray.

Nello studio originale, 195 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere un condizionamento a intensità ridotta ( n=99 ) o un condizionamento mieloablativo ( n=96 ).
Per questa analisi retrospettiva, i dati sono stati raccolti con un follow-up quasi completo ( indice di completezza 99% ).

Il tempo di follow-up mediano per i pazienti sopravvissuti è stato di 9.9 anni, durante il quale l'incidenza cumulativa di recidiva nella popolazione di studio completa è stata identica in entrambi i gruppi ( 30% nel gruppo di condizionamento a intensità ridotta versus 30% nel gruppo di condizionamento mieloablativo; test Gray P=0.99 ).

Le recidive si sono verificate con una mediana di 5.0 mesi nel gruppo di condizionamento a intensità ridotta rispetto a 9.5 mesi nel gruppo condizionante mieloablativo.

La sopravvivenza libera da malattia a 10 anni è stata del 55% nel gruppo di condizionamento a intensità ridotta e del 43% nel gruppo di condizionamento mieloablativo ( hazard ratio, HR=0.76; P=0.19 ).

La mortalità a 10 anni non dovuta a recidiva è stata del 16% nel gruppo di condizionamento a intensità ridotta e del 26% nel gruppo di condizionamento mieloablativo ( sottodistribuzione HR 0.60; test Gray P=0.10 ).

L'incidenza delle tossicità a lungo termine associate all'irradiazione totale del corpo è stata comparabile; neoplasie secondarie si sono verificate in 6 su 94 pazienti ( 6% ) nel gruppo di condizionamento a intensità ridotta e in 5 su 90 ( 6% ) nel gruppo di condizionamento mieloablativo ( P=1.00 ).

Non c'è evidenza che il condizionamento a intensità ridotta aumenti il ​​rischio di recidiva tardiva rispetto al condizionamento mieloablativo.
Dato che il gruppo di condizionamento a intensità ridotta nello studio originale era associato a morbilità e tossicità precoce più bassa, il condizionamento a intensità ridotta con dosi di irradiazione del corpo totale moderate potrebbe essere la strategia di condizionamento preferita nei pazienti con leucemia mieloide acuta di età inferiore a 60 anni e trapiantati in prima remissione completa. ( Xagena2018 )

Fasslrinner F et al, Lancet Haematol 2018; 5: e161-e169

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro