ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Efficacia di Ibrutinib nel trattamento della leucemia linfatica cronica


Un nuovo farmaco sperimentale ha dimostrato di essere sicuro ed efficace nei pazienti con leucemia linfatica cronica ( anche detta leucemia linfocitica cronica ).
L’inibitore della tirosin-chinasi di Bruton ( BTK ), Ibrutinib, può indurre remissioni durature nei pazienti che sono naive al trattamento ( cioè, mai trattati ), o refrattari al trattamento o recidivanti.

Ibrutinib in monoterapia

Nel primo studio è stato valutato l’impiego di Ibrutinib come monoterapia nei pazienti con leucemia linfatica cronica o piccolo linfoma linfocitico .
Hanno preso parte allo studio pazienti ( n=116 ) naive, refrattari al trattamento, o recidivanti.

Tra i pazienti naive al trattamento, il tasso di risposta è stato pari al 68% ( 10% risposta completa e 58% risposta parziale ); il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 26 mesi è stato del 96%.

Nel gruppo dei pazienti con patologia refrattaria o recidivante, il tasso di risposta è stato del 71% e il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 22 mesi è stato del 76%.

La maggior parte degli eventi avversi era di grado 2 o inferiore; i più comuni sono stati: diarrea ( 54% ), affaticamento ( 29% ), infezioni respiratorie del tratto superiore ( 29% ), rash cutaneo ( 28% ), nausea ( 26% ), e artralgie ( 25% ). Le tossicità ematologiche di grado 3 o superiore sono state relativamente rare.

Ibrutinib in associazione a Rituximab

Nel secondo studio è stata valutata l’associazione tra Ibrutinib e Rituximab ( MabThera ) nei pazienti ( n=40 ) ad alto rischio con leucemia linfatica cronica e piccolo linfoma linfocitico.

A un follow-up mediano di 4 mesi, 38 dei 40 pazienti ha continuato la terapia senza progressione della malattia. Dei 20 pazienti che erano valutabili per una risposta precoce a 3 mesi, 17 hanno ottenuto una remissione parziale ( tasso di risposta globale del 85% ).
Altri 3 pazienti hanno raggiunto una risposta parziale con linfocitosi persistente.

Riguardo alla tossicità ci sono stati 13 casi di grado 3 o 4. La diarrea in forma lieve è stato il più frequente evento avverso, assieme a dolore osseo e al senso di affaticamento. ( Xagena2012 )

Fonte: American Society of Hematology ( ASH ) Meeting, 2012


Emo2012 Farma2012


Indietro