Janssen Oncology
GSK Ematologia
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom
Passamonti Linfoma mantellare

Efficacia di Nivolumab e regime AVD nel linfoma di Hodgkin classico a prognosi sfavorevole in stadio iniziale: studio NIVAHL


Nel linfoma di Hodgkin classico ( cHL ) a prognosi sfavorevole, in stadio iniziale, la terapia convenzionale induce tassi di guarigione elevati ma anche effetti tossici acuti e a lungo termine rilevanti.

Nivolumab ( Opdivo ) è ben tollerato ed altamente efficace nel linfoma cHL recidivante / refrattario, ma non è stato adeguatamente studiato nel trattamento di prima linea del linfoma cHL in stadio iniziale.

Lo studio NIVAHL ha valutato Nivolumab in questo contesto con l'obiettivo di sviluppare una terapia sistemica altamente efficace ma tollerabile per mitigare la morbilità nei pazienti che sopravvivono a linfoma cHL.

È stata valutata l'efficacia di due strategie di trattamento di prima linea sperimentali basate su Nivolumab nei pazienti con linfoma cHL a prognosi sfavorevole, in stadio iniziale.

Lo studio clinico randomizzato di fase 2, multicentrico, in aperto, NIVAHL, è stato condotto nel periodo 2017-2018 in 35 Centri di sperimentazione in tutta la Germania.
L'idoneità è stata definita in base all'età da 18 a 60 anni, cHL confermato da una revisione di esperti patologi, malattia a prognosi sfavorevole allo stadio iniziale secondo i criteri GHSG ( German Hodgkin Study Group ) ( stadio da I a II con fattori di rischio ) e assenza di grave malattia concomitante o disfunzione d'organo.
Su 110 pazienti arruolati, 109 erano eleggibili.

I pazienti sono stati assegnati casualmente a un trattamento concomitante con 4 cicli di Nivolumab e Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina ( regime N-AVD ) o al trattamento sequenziale con 4 dosi di Nivolumab, 2 cicli di N-AVD e 2 cicli di AVD a dosi standard, seguiti da radioterapia a 30 Gy nel sito interessato.

L’esito principale era il tasso di remissione completa ( CR ) dopo il trattamento in studio, con l'obiettivo di escludere un tasso di remissione completa dell'80% o inferiore.

Dei 109 pazienti inclusi nello studio, 65 ( 59.6% ) erano donne e l'età mediana era di 27 anni.

All’esame intermedio dopo 2 cicli di regime N-AVD o 4 dosi di Nivolumab in monoterapia, 54 pazienti eleggibili con risposta su 54 ( 100% ) e 49 su 51 ( 96% ), rispettivamente, hanno ottenuto una risposta obiettiva, con CR in 47 ( 87% ) e 26 ( 51% ) pazienti, rispettivamente.

Tra i 101 pazienti eleggibili per l'analisi dell'endpoint primario, 46 pazienti su 51 ( 90% ) trattati con terapia concomitante e 47 su 50 ( 94% ) trattati con terapia sequenziale hanno ottenuto una remissione completa dopo il trattamento in studio.

Con un follow-up mediano di 13 mesi, la sopravvivenza libera da progressione a 12 mesi è stata del 100% per i pazienti che hanno ricevuto un trattamento concomitante e del 98% per i pazienti che hanno ricevuto una terapia sequenziale.

Entrambe le strategie che combinano Nivolumab e AVD sono fattibili e hanno portato a tassi di remissione elevati.
Nonostante aver mancato di poco l’obiettivo di efficacia nel gruppo di terapia concomitante, l'eccellente sopravvivenza libera da progressione a 12 mesi e il tasso di remissione completa inaspettatamente alto dopo 4 dosi di Nivolumab in monoterapia richiedono un'ulteriore valutazione come trattamento di prima linea nei pazienti con linfoma di Hodgkin classico. ( Xagena2020 )

Bröckelmann PJ et al, JAMA Oncol 2020; 6: 872-880

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro