Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Passamonti Linfoma mantellare

Esiti a lungo termine per Ibrutinib - Rituximab e chemioimmunoterapia nella leucemia linfatica cronica: studio E1912


E' stato presentato il follow-up a lungo termine dello studio randomizzato E1912 che ha confrontato l'efficacia a lungo termine della terapia con Ibrutinib - Rituximab ( IR ) con Fludarabina, Ciclofosfamide e Rituximab ( FCR ), ed è stata descritta la tollerabilità di Ibrutinib continuo.

Lo studio E1912 ha arruolato 529 pazienti naive al trattamento di età minore o uguale a 70 anni con leucemia linfatica cronica ( CLL ).
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere la combinazione Ibrutinib - Rituximab o 6 cicli di chemioimmunoterapia FCR.

Con un follow-up mediano di 5.8 anni, la sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) è risultata superiore per la combinazione Ibrutinib [ Imbruvica ] - Rituximab [ MabThera ] ( hazard ratio HR, 0.37; P minore di 0.001).
La combinazione Ibrutinib - Rituximab ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione rispetto a chemioimmunoterapia FCR nei pazienti con leucemia linfatica cronica mutata nel gene della regione variabile della catena pesante delle immunoglobuline ( IGHV ) ( HR: 0.27; P minore di 0.001 ) e leucemia linfatica cronica non-mutata in IGHV ( HR: 0.27; P minore di 0.001 ).

Tra i 354 pazienti randomizzati a Ibrutinib - Rituximab, 214 ( 60.5% ) sono rimasti in trattamento con Ibrutinib.
Tra i 138 pazienti trattati con Ibrutinib - Rituximab che hanno interrotto il trattamento, 37 ( 10.5% dei pazienti che hanno iniziato la terapia con Ibrutinib - Rituximab ) hanno interrotto la terapia a causa della progressione della malattia o del decesso, 77 ( 21.9% dei pazienti che hanno iniziato Ibrutinib - Rituximab ) hanno interrotto la terapia per eventi avversi / complicazioni e 24 ( 6.8% dei pazienti che hanno iniziato Ibrutinib - Rituximab ) si sono ritirati per altri motivi.

La progressione è stata rara tra i pazienti in grado di continuare la terapia con Ibrutinib. Il tempo mediano dall'interruzione del trattamento con Ibrutinib alla progressione della malattia o alla morte tra coloro che hanno interrotto il trattamento per un motivo diverso dalla progressione è stato di 25 mesi.

È stato osservato un miglioramento sostenuto della sopravvivenza globale ( OS ) per i pazienti nel braccio Ibrutinib - Rituximab ( HR, 0.47; P=0.018 ).

In conclusione, la terapia con Ibrutinib - Rituximab offre una sopravvivenza senza progressione superiore rispetto a chemioimmunoterapia FCR nei pazienti con leucemia linfatica cronica mutata o non-mutata in IGHV, nonché una sopravvivenza globale superiore. La terapia continua con Ibrutinib è tollerata oltre i 5 anni nella maggior parte dei pazienti con leucemia linfatica cronica. ( Xagena2022 )

Shanafelt TD et al, Blood 2022; 140: 112-120

Emo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro