ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Esiti eccellenti continuativi in pazienti precedentemente non-trattati con linfoma follicolare dopo il trattamento con CHOP più Rituximab o CHOP più 131-I-Tositumomab


SWOG S0016 era uno studio randomizzato di fase III che ha confrontato la sicurezza e l'efficacia di R-CHOP ( Rituximab più Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone ) con CHOP-RIT ( CHOP seguito dal consolidamento con radioimmunoterapia a base di Iodio-133-Tositumomab ) per pazienti precedentemente non-trattati con linfoma follicolare.
La comprensione degli esiti a lungo termine dei pazienti fornisce un punto di riferimento per nuovi regimi di trattamento per il linfoma follicolare.

Tra il 2001 e il 2008, 531 pazienti precedentemente non-trattati con linfoma follicolare sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 6 cicli di R-CHOP o 6 cicli di CHOP-RIT.
Erano eleggibili i pazienti con malattia in stadio avanzato ( stadio bulky II, III o IV ) di qualsiasi grado patologico ( 1, 2 o 3 ).

Dopo un follow-up mediano di 10.3 anni, le stime a 10 anni di sopravvivenza libera da progressione e globale sono state rispettivamente del 49% e del 78% in tutti i pazienti.

I pazienti nel braccio CHOP-RIT hanno presentato una sopravvivenza libera da progressione a 10 anni significativamente migliore rispetto ai pazienti nel braccio R-CHOP ( 56% vs 42%; P=0.01 ), ma la sopravvivenza globale a 10 anni non è stata diversa tra i due bracci ( 75% vs 81%; P=0.13 ).

Non c’è stata alcuna differenza significativa tra i bracci CHOP-RIT e R-CHOP rispetto all'incidenza di tumori secondari ( 15.1% vs 16.1%; P=0.81 ) o sindrome mielodisplastica o leucemia mieloide acuta ( 4.9% vs 1.8%; P=0.058 ).

L'incidenza cumulativa stimata a 10 anni di morte derivante da neoplasie secondarie non è stata diversa ( 7.1% vs 3.2%, P=0.16 ), ma l'incidenza cumulativa di morte derivante da sindrome mielodisplastica o da leucemia mieloide acuta è stata più alta nel braccio CHOP-RIT rispetto al braccio R-CHOP ( 4% vs 0.9%; P=0.02 ).

In conclusione, dati questi risultati eccezionali, l'immunochemioterapia dovrebbe rimanere l'approccio standard di induzione per i pazienti con linfoma follicolare ad alto rischio fino a quando il follow-up a lungo termine di approcci alternativi dimostrerà una superiorità. ( Xagena2018 )

Shadman M et al, J Clin Oncol 2018; 36: 697-703

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro