Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Ematologia Amgen

Esiti nei pazienti trattati con terapia a base di cellule CAR-T ricoverati in terapia intensiva: studio CARTTAS


La terapia con cellule T esprimenti un recettore chimerico per l’antigene ( CAR ) può indurre effetti collaterali come la sindrome da rilascio di citochine e la sindrome da neurotossicità associata alle cellule effettrici immunitarie ( ICANS ), che spesso richiedono il ricovero in Unità di terapia intensiva ( UTI ).

Lo studio CARTTAS ha descritto la gestione dei destinatari di cellule CAR-T in condizioni critiche in terapia intensiva.
Questo studio di coorte internazionale, multicentrico e osservazionale è stato condotto in 21 unità di terapia intensiva in Francia, Spagna, Stati Uniti, Regno Unito, Russia, Canada, Germania e Austria.

I pazienti idonei erano di età pari o superiore a 18 anni; avevano ricevuto una terapia con cellule CAR-T negli ultimi 30 giorni; erano stati ricoverati in terapia intensiva per qualsiasi motivo.

I ricercatori hanno incluso retrospettivamente i pazienti ricoverati tra febbraio 2018 e febbraio 2019 e hanno incluso prospetticamente i pazienti ricoverati tra marzo 2019 e febbraio 2020.
I dati demografici, clinici, di laboratorio, di trattamento e di esito sono stati estratti dalle cartelle cliniche.

L'endpoint primario era la mortalità a 90 giorni. I fattori associati alla mortalità sono stati identificati utilizzando un modello di rischio proporzionale di Cox.

In tutto 942 pazienti hanno ricevuto la terapia con cellule CAR-T, di cui 258 ( 27% ) hanno richiesto il ricovero in terapia intensiva e 241 ( 26% ) sono stati inclusi nell'analisi.
Il ricovero in terapia intensiva è stato necessario entro una media di 4-5 giorni dall'infusione di cellule CAR-T.
La mortalità a 90 giorni è stata del 22.4% ( 54 decessi ).

Alla valutazione iniziale al momento del ricovero, la sindrome da rilascio di citochine isolata è stata identificata in 101 pazienti ( 42% ), la sindrome da rilascio di citochine e ICANS in 93 ( 39% ) e ICANS isolata in 7 ( 3% ).
La sindrome da rilascio di citochine di grado 3-4 entro 1 giorno dal ricovero in terapia intensiva è stata riscontrata in 50 su 200 pazienti ( 25% ) e ICANS di grado 3-4 in 38 su 108 pazienti ( 35% ).
L'infezione batterica si è sviluppata in 30 pazienti ( 12% ).

Trattamenti salvavita sono stati utilizzati in 75 pazienti ( 31% ) entro 24 ore dal ricovero in terapia intensiva, principalmente farmaci vasoattivi in ​​65 pazienti ( 27% ).

I fattori associati indipendentemente alla mortalità a 90 giorni dall'analisi multivariabile erano fragilità ( hazard ratio, HR 2.51 ), infezione batterica ( HR 2.12 ), e terapia salvavita entro 24 ore dal ricovero ( HR 1.80 ).

La gestione della terapia intensiva è parte integrante della terapia con cellule CAR-T e dovrebbe essere standardizzata.
Sono giustificati studi per migliorare la prevenzione e il trattamento delle infezioni in questi pazienti ad alto rischio. ( Xagena2021 )

Azoulay E et al, Lancet Haematology 2021; 8: 355-364

Emo2021 Onco2021 Farma2021



Indietro