Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Gemtuzumab Ozogamicin ha migliorato la sopravvivenza libera da eventi e ha ridotto le recidive nella leucemia mieloide acuta KMT2A-riarrangiata: Children's Oncology Group Trial AAML0531


È stato studiato l'impatto dell'agente mirato a CD33 Gemtuzumab Ozogamicin ( Mylotarg ) sulla sopravvivenza nei pazienti pediatrici con leucemia mieloide acuta ( AML ) KMT2A-riarrangiata ( KMT2A-r ) arruolati nel Children's Oncology Group trial AAML0531.

Sono stati identificati i pazienti con leucemia mieloide acuta KMT2A-r e sono state descritte le caratteristiche cliniche.

La sopravvivenza globale ( OS ) a 5 anni, la sopravvivenza libera da eventi ( EFS ), la sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) e il rischio di recidiva ( RR ) sono stati determinati nel complesso e per i partner di traslocazione ad alto rischio rispetto a quelli non-ad-alto rischio.

È stato determinato l'impatto di Gemtuzumab Ozogamicin sulla risposta e sono stati descritti gli esiti basati sull'approccio di consolidamento ( trapianto di cellule staminali ematopoietiche [ HSCT ] versus chemioterapia ).

In tutto 215 su 1.022 pazienti arruolati ( 21% ) avevano leucemia mieloide acuta KMT2A-r.
La sopravvivenza senza eventi e la sopravvivenza globale a 5 anni dall'ingresso nello studio erano rispettivamente del 38% e del 58%.
La sopravvivenza libera da eventi è stata superiore con il trattamento con Gemtuzumab Ozogamicin ( EFS 48% con Gemtuzumab Ozogamicin vs 29% senza, P=0.003 ), sebbene la sopravvivenza globale fosse comparabile ( 63% vs 53%, P=0.054 ).

Per i pazienti con leucemia mieloide acuta KMT2A-r che hanno raggiunto la remissione completa, Gemtuzumab Ozogamicin è stato associato a RR inferiore ( 40% Gemtuzumab Ozogamicin vs 66% pazienti che non hanno ricevuto Gemtuzumab Ozogamicin, No-Gemtuzumab Ozogamicin, P=0.001 ) e a un miglioramento della sopravvivenza libera da malattia a 5 anni ( Gemtuzumab Ozogamicin 57% vs No-Gemtuzumab Ozogamicin 33%, P=0.002 ).
Il beneficio di Gemtuzumab Ozogamicin è stato osservato sia nel sottoinsieme KMT2A-r ad alto rischio che in quello non-ad-alto rischio.

Per i pazienti sottoposti a trapianto HSCT, la precedente esposizione a Gemtuzumab Ozogamicin è stata associata a una ridotta recidiva ( RR a 5 anni: 28% Gemtuzumab Ozogamicin e trapianto HSCT vs 73% No-Gemtuzumab Ozogamicin e trapianto HSCT, P=0.006 ).

Nell'analisi multivariabile, Gemtuzumab Ozogamicin è stato associato indipendentemente a migliorata sopravvivenza senza eventi, migliorata sopravvivenza libera da malattia e ridotto rischio di recidiva.

Gemtuzumab Ozogamicin aggiunto alla chemioterapia convenzionale ha migliorato i risultati per la leucemia mieloide acuta KMT2A-r; il consolidamento con il trapianto HSCT può migliorare ulteriormente gli esiti.
I futuri studi clinici dovrebbero studiare gli agenti mirati a CD33 in combinazione con il trapianto di cellule staminali ematopoietiche per leucemia mieloide acuta KMT2A-r pediatrica. ( Xagena2021 )

Pollard JA et al, J Clin Oncol 2021; 39: 3149-3160

Emo2021 Onco2021 Pedia2021 Farma2021


Indietro