Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Gemtuzumab ozogamicin versus migliore terapia di supporto nei pazienti anziani con nuova diagnosi di leucemia mieloide acuta non-adatti alla chemioterapia intensiva


È stato confrontato Gemtuzumab ozogamicin ( Mylotarg ) come singolo agente con la migliore terapia di supporto ( BSC ) comprendente Idrossiurea come terapia di prima linea nei pazienti anziani con leucemia mieloide acuta inadatti alla chemioterapia intensiva.

In questo studio, i pazienti di almeno 61 anni sono stati randomizzati a ricevere o un singolo ciclo di induzione di Gemtuzumab ozogamicin ( 6 mg/m2 al giorno 1 e 3 mg/m2 al giorno 8 ) oppure la migliore terapia di supporto.
I pazienti senza progressione dopo induzione con Gemtuzumab ozogamicin hanno ricevuto fino a 8 infusioni mensili dell’immunoconiugato a 2 mg/m2.
La randomizzazione è stata stratificata per età, WHO performance score, stato di espressione di CD33, e Centro.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale per l'analisi intention-to-treat.

In totale, 237 pazienti sono stati assegnati in modo casuale ( 118 a Gemtuzumab ozogamicin e 119 a migliore terapia di supporto ).

La sopravvivenza mediana globale è stata di 4.9 mesi nel gruppo Gemtuzumab ozogamicin e 3.6 mesi nel gruppo migliore terapia di supporto ( hazard ratio, HR=0.69; P=0.005 ); il tasso di sopravvivenza globale a 1 anno è stato del 24.3% con Gemtuzumab ozogamicin e del 9.7% con la migliore terapia di supporto.

Il vantaggio di sopravvivenza globale con Gemtuzumab ozogamicin è stato costante nella maggior parte dei sottogruppi, ed è stato particolarmente evidente nei pazienti con alto stato di espressione di CD33, in quelli con profilo di rischio citogenetico favorevole / intermedio e nelle donne.

Nel complesso, la remissione completa ( CR, remissione completa più CRi [ CR con recupero incompleto della conta del sangue periferico ] ) si è verificata in 30 su 111 ( 27% ) destinatari di Gemtuzumab ozogamicin.

I tassi di eventi avversi gravi sono stati simili nei due gruppi, e nessun eccesso di mortalità per eventi avversi è stato osservato con Gemtuzumab ozogamicin.

In conclusione, la monoterapia di prima linea con basse dosi di Gemtuzumab ozogamicin, rispetto alla migliore terapia di supporto, ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza globale nei pazienti anziani con leucemia mieloide acuta che non erano ammissibili alla chemioterapia intensiva.
Non sono stati identificati eventi avversi inaspettati, e la tossicità è stata gestibile. ( Xagena2016 )

Amadori S et al, J Clin Oncol 2016; 34: 972-979

Onco2016 Emo2016 Farma2016


Indietro