Celgene Ematologia
Janssen Oncology
Ematologia Amgen
GSK Ematologia

Glofitamab, un nuovo anticorpo bispecifico diretto contro il recettore CD20 che coinvolge le cellule T, induce remissioni complete durature nel linfoma a cellule B recidivato o refrattario


Glofitamab è un anticorpo bispecifico che coinvolge le cellule T che possiede una nuova struttura con bivalenza per CD20 sulle cellule B e monovalenza per CD3 sulle cellule T.

Uno studio di fase I ha valutato Glofitamab nel linfoma non-Hodgkin a cellule B ( B-NHL ) recidivante o refrattario ( R/R ).
Sono stati presentati i dati per Glofitamab come agente singolo, con pretrattamento con Obinutuzumab ( Gpt ) per ridurre la tossicità.

Sette giorni prima della prima dose di Glofitamab ( 0.005-30 mg), tutti i pazienti hanno ricevuto 1.000 mg di Gpt.
Le fasi di aumento della dose sono state determinate utilizzando un metodo di rivalutazione continua bayesiana con controllo del sovradosaggio.

Gli endpoint primari erano la sicurezza, la farmacocinetica e la dose massima tollerata di Glofitamab.

Dopo le coorti iniziali di un singolo paziente, 171 pazienti sono stati trattati all'interno di coorti multipaziente convenzionali e hanno ricevuto almeno una dose di Glofitamab.
Questo studio ha incluso pazienti pesantemente pretrattati con linfoma non-Hodgkin a cellule B R/R; la maggior parte era refrattaria alla terapia precedente ( 155; 90.6% ) e aveva ricevuto una mediana di tre precedenti terapie.

In tutto 127 pazienti ( 74.3% ) avevano linfoma diffuso a grandi cellule B, linfoma follicolare trasformato o altra istologia aggressiva, e il resto aveva sottotipi di linfoma indolente.
5 pazienti ( 2.9% ) si sono ritirati dal trattamento a causa di eventi avversi.

La sindrome da rilascio di citochine si è verificata in 86 pazienti su 171 ( 50.3% ) ( grado 3 o 4: 3.5% ); 2 pazienti ( 1.2% ) hanno manifestato sintomi simili alla sindrome da neurotossicità associata alle cellule immunitarie effettrici transitorie di grado 3.

Il tasso di risposta globale ( ORR ) è stato del 53.8% ( risposta completa [ CR ], 36.8% ) tra tutte le dosi e del 65.7% ( CR, 57.1% ) in quelle somministrate alla dose raccomandata di fase II.
Dei 63 pazienti con risposta CR, 53 ( 84.1% ) hanno mostrato una risposta CR in corso con un massimo di 27.4 mesi di osservazione.

Nei pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule B aggressivo prevalentemente refrattario, Glofitamab ha mostrato un'attività favorevole con risposte complete frequenti e durevoli e un profilo di sicurezza prevedibile e gestibile. ( Xagena2021 )

Hutchings M et al, J Clin Oncol 2021; 39: 1959-1970

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro