Janssen Oncology
Ematologia Amgen
GSK Ematologia
Celgene Ematologia

Il monitoraggio del DNA tumorale circolante migliora il rilevamento precoce delle recidive dopo l'infusione di Axicabtagene Ciloleucel nel linfoma a grandi cellule B


Sebbene la maggior parte dei pazienti con linfoma a grandi cellule B recidivante o refrattario risponda ad Axicabtagene ciloleucel ( Axi-cel; Yescarta ), solo una minoranza di pazienti ha remissioni durature.
Uno studio prospettico multicentrico ha esplorato il valore prognostico del DNA tumorale circolante ( ctDNA ) prima e dopo lo standard di cura Axi-cel per prevedere gli esiti dei pazienti.

Le sequenze VDJ del ctDNA sono state frequentemente monitorate tramite il sequenziamento di nuova generazione ( NGS ) dal momento dell'inizio della chemioterapia di linfodeplezione fino a progressione o a 1 anno dopo l'infusione di Axi-cel.
È stato valutato il valore prognostico del DNA tumorale circolante per prevedere gli esiti e la tossicità correlata ad Axi-cel.

Un clonotipo tumorale è stato rilevato con successo in 69 dei 72 pazienti arruolati ( 96% ).
Concentrazioni più elevate di ctDNA pretrattamento sono state associate alla progressione dopo l'infusione di Axi-cel e allo sviluppo della sindrome da rilascio di citochine e/o della sindrome da neurotossicità associata alle cellule effettrici immuni.

In tutto 23 pazienti su 33 ( 70% ) con risposta duratura rispetto a 4 su 31 pazienti ( 13% ) in progressione hanno dimostrato ctDNA non-rilevabile 1 settimana dopo l'infusione di Axi-cel ( P minore di 0.0001 ).

Al giorno 28, i pazienti con ctDNA rilevabile rispetto a quelli con ctDNA non-rilevabile avevano una sopravvivenza libera da progressione mediana e sopravvivenza globale di 3 mesi rispetto a non-raggiunta ( P minore di 0.0001 ) e 19 mesi rispetto a non-raggiunta ( P=0.0080 ), rispettivamente.

Nei pazienti con risposta radiografica parziale o malattia stabile al giorno 28, 1 su 10 pazienti con ctDNA non-rilevabile contemporaneamente ha avuto una recidiva; per contro, 15 dei 17 pazienti con recidiva di ctDNA rilevabile contemporaneamente hanno recidivato ( P=0.0001 ).

Il ctDNA è stato rilevato durante o prima della recidiva radiografica in 29 pazienti su 30 ( 94% ).

Tutti i pazienti che hanno risposto in modo duraturo avevano ctDNA non-rilevabile a partire da 3 mesi dopo l'infusione di Axi-cel.

Le valutazioni non-invasive del DNA tumorale circolante possono stratificare il rischio e prevedere gli esiti dei pazienti sottoposti ad Axi-cel per il trattamento del linfoma a grandi cellule B.
Questi risultati forniscono un razionale per la progettazione di studi clinici sulla terapia CAR-T, adattati al rischio basato sul DNA tumorale circolante. ( Xagena2021 )

Frank MJ et al, J Clin Oncol 2021; 39: 3034-3043

Emo2021 Onco2021 Med2021 Farma2021


Indietro