Ematologia Amgen
Janssen Oncology
GSK Ematologia
Celgene Ematologia

Impiego di Zidovudina e Interferone alfa nella leucemia/linfoma a cellule T dell’adulto


La leucemia e il linfoma a cellule T dell’adulto associati al virus linfotrofico a cellule T umano di tipo I ( HTLV-1 ) è un tumore aggressivo resistente alla chemioterapia.

Diversi piccoli studi clinici con l'utilizzo di Zidovudina ( AZT, Retrovir ) e Interferone-alfa ( Roferon-A ) hanno mostrato risposta in pazienti con linfoma e leucemia a cellule T dell’adulto; tuttavia, l'impatto di questa innovativa strategia di trattamento antivirale sulla sopravvivenza a lungo termine non è stato determinato.

È stata compiuta una meta-analisi della terapia antivirale della leucemia e del linfoma a cellule T dell’adulto, con una revisione dei dati relativi a 254 pazienti.

In accordo con la classificazione di Shimoyama, sono stati identificati 116 pazienti con leucemia e linfoma a cellule T dell’adulto acuta, 18 con forma cronica della malattia, 11 con leucemia e linfoma a cellule T dell’adulto con evoluzione subdola ma progressivo, e 100 con linfoma a cellule T dell’adulto
.
In 231 pazienti per i quali erano disponibili dati di sopravvivenza, la terapia di prima linea è stata registrata per 207.

I tassi di sopravvivenza generale a 5 anni sono stati 46% per i 75 pazienti che avevano ricevuto terapia antivirale di prima linea ( P=0.004 ), 20% per i 77 pazienti che avevano ricevuto chemioterapia di prima linea, e 12% per i 55 pazienti che avevano ricevuto chemioterapia di prima linea seguita da terapia antivirale.

I pazienti con leucemia e linfoma a cellule T dell’adulto acuto, cronico e asintomatico hanno tratto beneficio in modo significativo dalla terapia di prima linea antivirale, mentre quelli con linfoma a cellule T dell'adulto hanno mostrato esiti migliori con la chemioterapia.

Nella leucemia/linfoma a cellule T dell’adulto acuta, il raggiungimento di remissione completa con terapia antivirale ha portato a una sopravvivenza a 5 anni del 82%, mentre nelle forme cronica e asintomatica tale percentuale ha raggiunto il 100%.

L'analisi multivariata ha confermato che una prima linea di terapia antivirale migliora in modo significativo la sopravvivenza generale in pazienti con leucemia/linfoma a cellule T dell’adulto ( hazard ratio, HR=0.47; P=0.021 ).

In conclusione, questi risultati confermano l'alta efficacia di Zidovudina e Interferone-alfa che dovrebbero rappresentare il miglior standard di terapia di prima linea nei sottotipi leucemici di leucemia/linfoma a cellule T dell’adulto. ( Xagena2010 )

Bazarbachi A et al, J Clin Oncol 2010; 28: 4177-4183


Onco2010 Farma2010 Emo2010 Inf2010


Indietro