Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
GSK Ematologia

Incidenza di neoplasie linfoidi tra i sopravvissuti alla bomba atomica per sottotipo istologico, dal 1950 al 1994


I dati epidemiologici hanno fornito prove limitate e inconsistenti sulla relazione tra esposizione alle radiazioni e neoplasie linfoidi.
Sono stati classificati 553 casi di neoplasia linfoide diagnosticati tra il 1950 e il 1994 nella coorte Life Span Study di sopravvissuti alla bomba atomica in sottotipi dell'Organizzazione Mondiale della Sanità ( OMS ).

Le neoplasie a cellule B mature rappresentavano il 58%, le neoplasie a cellule T mature e a cellule natural killer ( NK ) il 20%, le neoplasie a cellule precursori il 5% e il linfoma di Hodgkin ( HL ) il 3%, con il restante 15% classificato come neoplasie linfoidi non-Hodgkin ( NHL ) o neoplasie linfoidi non altrimenti specificate.

Sono stati utilizzati i metodi di regressione di Poisson per valutare la relazione tra l'esposizione alle radiazioni e i sottotipi più comuni.
Come nei rapporti precedenti, una significativa risposta alla dose per le neoplasie NHL come gruppo è stata osservata per i maschi ma non per le femmine.

Tuttavia, le analisi dei sottotipi hanno mostrato che la dose di radiazioni era fortemente associata all'aumento dei tassi di neoplasie delle cellule precursori, con un rischio relativo in eccesso stimato per Gy di 16 all'età di 50 anni.

I dati attuali basati principalmente su diagnosi fondate sui tessuti hanno indicato che l'associazione tra dose di radiazioni e neoplasie linfoidi come gruppo è in gran parte determinata dall'effetto delle radiazioni sulle neoplasie delle cellule precursori, mentre non presenta evidenze di una risposta alla dose di radiazioni per le principali categorie di neoplasie a cellule mature, sia cellule B sia cellule T / cellule NK o entità patologiche più specifiche ( linfoma diffuso a grandi cellule B, mieloma plasmacellulare, leucemia / linfoma a cellule T dell'adulto ) o linfoma di Hodgkin. ( Xagena2022 )

Fujihara M et al, Blood 2022; 139: 217-227

Emo2022 Onco2022



Indietro