Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Passamonti Linfoma mantellare

Inotuzumab ozogamicina versus terapia standard nella leucemia linfoblastica acuta


La prognosi per gli adulti con leucemia linfoblastica acuta recidivata è infausta. Si è determinato se Inotuzumab ozogamicina, un anticorpo anti-CD22 coniugato con Calicheamicina, si traduca in risultati migliori nei pazienti con leucemia linfoblastica acuta recidivata o refrattaria di quanto non faccia la terapia standard.

In uno studio di fase 3, sono stati assegnati in modo casuale gli adulti con leucemia linfoblastica acuta recidivata o refrattaria a ricevere Inotuzumab ozogamicina ( gruppo Inotuzumab ozogamicina ) o chemioterapia intensiva standard ( gruppo terapia standard ).

Gli endpoint primari erano la remissione completa ( compresa la remissione completa con recupero ematologico incompleto ) e la sopravvivenza globale.

Dei 326 pazienti sottoposti a randomizzazione, i primi 218 ( 109 in ciascun gruppo ) sono stati inclusi nella analisi intention-to-treat primaria di remissione completa.
Il tasso di remissione completa è risultato significativamente più alto nel gruppo Inotuzumab ozogamicina che nel gruppo terapia standard ( 80.7% vs 29.4%, P minore di 0.001 ).

Tra i pazienti che hanno avuto una remissione completa, una percentuale più alta nel gruppo Inotuzumab ozogamicina ha avuto risultati inferiori alla soglia di malattia minima residua ( 0.01% di blasti midollari ) ( 78.4% vs 28.1%, P minore di 0.001 ); la durata della remissione è stata più lunga nel gruppo Inotuzumab ozogamicina ( mediana, 4.6 mesi vs 3.1 mesi; hazard ratio, HR=0.55, P=0.03 ).

Nell'analisi di sopravvivenza, che ha incluso tutti i pazienti ( n=326 ), la sopravvivenza libera da progressione è risultata significativamente più lunga nel gruppo Inotuzumab ozogamicina ( mediana, 5.0 mesi vs 1.8 mesi; HR=0.45, P minore di 0.001 ); la sopravvivenza generale mediana è stata di 7.7 mesi rispetto a 6.7 mesi e l'hazard ratio è stato pari a 0.77 ( P=0.04 ).

Nella popolazione di sicurezza, i più frequenti eventi avversi di grado 3 o superiore non-ematologici con Inotuzumab ozogamicina erano di natura epatica.
Malattie epatiche veno-occlusive di qualsiasi grado si sono verificate in 15 pazienti ( 11% ) che hanno ricevuto Inotuzumab ozogamicina e in 1 paziente ( 1% ) che ha ricevuto la terapia standard.

Il tasso di remissione completa è stato più elevato con Inotuzumab ozogamicina rispetto alla terapia standard, e una percentuale maggiore di pazienti nel gruppo Inotuzumab ozogamicina ha presentato risultati inferiori alla soglia di malattia minima residua.
Sia la sopravvivenza globale sia la sopravvivenza libera da progressione sono risultate più lunghe con Inotuzumab ozogamicina.
Le malattie epatiche veno-occlusive erano un evento avverso maggiore associato a Inotuzumab ozogamicina. ( Xagena2016 )

Kantarjian HM et al, N Engl J Med 2016; 375: 740-753

Emo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro