ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Interruzioni, sospensioni e sostituzioni dell'inibitore della tirosin-chinasi nei pazienti con leucemia mieloide cronica in fase cronica nella pratica clinica di routine: studio SIMPLICITY


Lo studio SIMPLICITY è uno studio osservazionale che ha esaminato l'uso e la gestione di inibitori della tirosin-chinasi ( TKI ) nei pazienti con leucemia mieloide cronica negli Stati Uniti e in Europa nella pratica clinica di routine.

Sono state descritte le interruzioni, le sospensioni e le commutazioni della terapia con TKI durante i primi 2 anni di trattamento tra 1.121 pazienti prospetticamente arruolati tra il 2010 e il 2017.

Le caratteristiche dei pazienti erano sostanzialmente simili tra le coorti Imatinib [ Glivec ] ( n=370 ), Dasatinib [ Sprycel ] ( n=376 ) e Nilotinib [ Tasigna ] ( n=375 ).

Le interruzioni del trattamento si sono verificate nel 16.4% ( anno 1 ) e nel 4.0% ( anno 2 ) dei pazienti, principalmente attribuite a intolleranze ematologiche.
Le interruzioni del trattamento si sono verificate nel 21.8% ( anno 1 ) e nel 10.2% ( anno 2 ) dei pazienti, con il tasso più alto nei primi 3 mesi di intolleranza.

La sostituzione degli inibitori della tirosin-chinasi è stata osservata nel 17.8% ( anno 1 ) e nel 9.5% ( anno 2 ) dei pazienti.

Sono state trovate associazioni significative tra la commutazione degli inibitori TKI e il sesso femminile ( anno 1 ), età pari o maggiore di 65 anni alla diagnosi ( anno 2 ) e trattamento con Imatinib ( anno 2 ).

L'intolleranza è stata la ragione più comune indicata per la sospensione dei pazienti e per la sostituzione della terapia con inibitori TKI; tuttavia è stata anche citata la resistenza.

La mancanza di monitoraggio della risposta nella pratica clinica di routine può aver portato a una minore identificazione della resistenza in questo set di dati.

I dati di SIMPLICITY suggeriscono che, nella pratica clinica di routine, l'intolleranza e la resistenza agli inibitori della tirosin-chinasi influenzano le decisioni di modifica del trattamento.
I cambiamenti nella terapia con TKI sono frequenti, con quasi un terzo dei pazienti che interrompono l'inibitore TKI di prima linea. ( Xagena2019 )

Hehlmann R et al, Am J Hematol 2019; 94: 46-54

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro