Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Linfoma mantellare

Interventi per ridurre le infezioni nei pazienti con neoplasie ematologiche


L'ipogammaglobulinemia acquisita è comune nella leucemia linfatica cronica ( CLL ), nel linfoma non-Hodgkin ( NHL ) e nel mieloma multiplo ( MM ).
Nessuna precedente revisione sistematica ha confrontato diversi approcci alla prevenzione delle infezioni.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza delle immunoglobuline profilattiche, degli antibiotici e della vaccinazione in questi pazienti.

È stata eseguita una revisione sistematica e una meta-analisi di studi randomizzati controllati per valutare l'efficacia e la sicurezza dell'immunoglobulina profilattica, degli antibiotici e della vaccinazione nei pazienti adulti con neoplasie ematologiche comunemente associate a ipogammaglobulinemia acquisita, in particolare leucemia linfatica cronica, linfoma non-Hodgkin e mieloma multiplo.

Dei 10.576 studi esaminati, 21 studi randomizzati controllati erano completati e 1 era in corso. Di questi, 8 hanno valutato l'immunoglobulina profilattica ( n=370; 7 pubblicati prima del 2000 ), 5 hanno valutato la profilassi antibiotica ( n=1.587 ), 7 hanno valutato la vaccinazione ( n=3.996 ) e 1 ha confrontato l'immunoglobulina con gli antibiotici ( n=60 ).

L'immunoglobulina profilattica ha ridotto il rischio di infezione clinicamente documentata ( CDI ) del 28% ( n=2 studi; RR, 0.72 ) e la vaccinazione ha ridotto il rischio del 63% ( RR, 0.37 ).

La profilassi antibiotica non ha ridotto il rischio.

Nessun intervento ha ridotto la mortalità per tutte le cause. Le immunoglobuline profilattiche e gli antibiotici hanno aumentato il rischio di eventi avversi. I risultati devono essere interpretati con cautela, dato l'elevato rischio di bias in molti studi. ( Xagena2023 )

Chai KL et al, Blood Adv 2023; 7: 20-31

Emo2023 Inf2023 Farma2023



Indietro