ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

La Pomalidomide associata a Desametasone a basso dosaggio nel mieloma multiplo con compromissione renale


In uno studio di fase 2 la Pomalidomide ( Imnovid, Pomalyst ) più Desametasone a basso dosaggio ha migliorato le risposte tra i pazienti con mieloma multiplo recidivante / refrattario e insufficienza renale da moderata a grave.
Il trattamento è apparso ben tollerato.

L'insufficienza renale è una comorbidità comune del mieloma multiplo. Approssimativamente il 20-30% dei pazienti con mieloma multiplo presenta insufficienza renale alla diagnosi, con circa il 10% che richiede dialisi.
Nel tempo, i pazienti con mieloma multiplo possono sviluppare insufficienza renale, che è associata a prognosi infausta e a ridotta sopravvivenza.
La sopravvivenza mediana globale per questi pazienti è di 2 anni.

Sono stati arruolati 81 pazienti ( età media: 72 anni ) con mieloma multiplo recidivante / refrattario nello studio MM-013.

I ricercatori hanno classificato i pazienti in tre coorti: insufficienza renale moderata ( velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ], da 30 a 45 ml/min/1.73 m2 ), grave insufficienza renale ( eGFR inferiore a 30 ml/min/1.73 m2 ) o grave insufficienza renale che richiede emodialisi.

I pazienti avevano subito una mediana di quattro precedenti regimi di trattamento per il mieloma.

I pazienti hanno ricevuto 4 mg/die di Pomalidomide nei giorni da 1 a 21, e 20 o 40 mg di Desametasone una volta a settimana in cicli di 28 giorni.

L'endpoint primario era rappresentato dal tasso di risposta obiettiva ( ORR ).

Il periodo di follow-up mediano è stato di 8.6 mesi.

L'ORR è stato del 39.4% tra i pazienti con insufficienza renale moderata, del 32.4% tra quelli con grave compromissione e del 14.3% tra quelli che necessitavano di emodialisi.

La durata mediana della risposta è stata di 14.7 mesi tra quelli con compromissione renale moderata e 4.6 mesi tra quelli con insufficienza renale grave.
La durata mediana della risposta non era stata raggiunta per coloro che necessitavano di emodialisi.

Tutti i pazienti con insufficienza renale moderata hanno mostrato il controllo della malattia, contro il 79.4% dei pazienti con insufficienza renale grave e il 78.6% dei pazienti con insufficienza renale grave che necessitavano di emodialisi.

La sopravvivenza mediana globale è stata pari a: 16.4 mesi tra i pazienti con insufficienza renale moderata; 11.8 mesi tra i pazienti con insufficienza renale grave; e 5.2 mesi tra i pazienti con insufficienza renale grave che necessitano di emodialisi.

E' stata osservata una risposta renale completa nel 18.2% dei pazienti con compromissione moderata.

Nessun paziente sottoposto a emodialisi al basale è diventato indipendente dalla dialisi.

Tredici pazienti erano in trattamento al momento del cut-off dei dati.

Il 16% dei pazienti ha presentato eventi avversi che hanno richiesto una riduzione della dose.

I più comuni eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o 4 includevano: neutropenia ( 53.1% ), anemia ( 35.8% ), infezioni ( 32.1% ), trombocitopenia ( 27.2% ), affaticamento ( 6.2% ), iperkaliemia ( 6.2% ), insufficienza renale ( 6.2% ), ipocalcemia ( 4.9% ), piressia ( 2.5% ) ed edema periferico ( 1.2% ).

Lo studio MM-013 è il primo studio a dimostrare che questi pazienti possono trarre beneficio dal trattamento con Pomalidomide più Desametasone a basso dosaggio, e supporta l'uso di questo regime tra i pazienti con mieloma multiplo recidivante / refrattario e grave insufficienza renale, inclusi quelli sottoposti a emodialisi.
Raggiungere il controllo e la stabilizzazione della malattia ha vantaggi clinici significativi, in particolare per i pazienti che necessitano di emodialisi. ( Xagena2018 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2018

Onco2017 Emo2017 Farma2017


Indietro