Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

La sospensione anticipata degli inibitori della calcineurina è fattibile dopo il trapianto di cellule staminali ematopoietiche aploidentiche: studio ANZHIT 1


Il trapianto di cellule staminali ematopoietiche aploidentiche ( aplo-HSCT ) utilizzando Ciclofosfamide post-trapianto ( PTCy ) è appropriato per coloro che non dispongono di donatori compatibili.

La maggior parte degli studi che utilizzano Ciclofosfamide post-trapianto sono retrospettivi e pertanto è difficile trarre conclusioni.
ANZHIT-1 era uno studio di fase 2 condotto presso 6 Centri di trapianto allogenico australiani.

Gli endpoint primari erano la sopravvivenza libera da malattia e globale 2 anni dopo il trapianto HSCT.
Il condizionamento a intensità ridotta ( RIC ) comprendeva Fludarabina, Ciclofosfamide e irradiazione corporea totale di 200 cGy, mentre il condizionamento mieloablativo ( MAC ) consisteva in Fludarabina endovenosa e Busulfan.

Ciclofosfamide post-trapianto, Micofenolato mofetile e un inibitore della calcineurina ( CNI ) sono stati utilizzati per la profilassi della malattia del trapianto contro l'ospite ( GVHD ).
Gli inibitori della calcineurina sono stati diminuiti e cessati entro il giorno +120 nei pazienti idonei al giorno 60.

I pazienti ( n=78 ) con neoplasie ematologiche sono stati inclusi nello studio, con un follow-up mediano di 732 giorni.
Il trapianto HSCT era con condizionamento a intensità ridotta in 46 pazienti e condizionamento mieloablativo in 32 pazienti.

La probabilità di sopravvivenza libera da malattia a 2 anni è stata del 67.5% per i destinatari di condizionamento mieloablativo e del 68.3% per i destinatari di condizionamento a intensità ridotta.

La mortalità correlata al trapianto ( TRM ) al giorno 100 e all'anno 1 è stata del 4.9% e del 17.9%, rispettivamente, nel gruppo con condizionamento mieloablativo rispetto al 3.1% e 11.6%, rispettivamente, nel gruppo con condizionamento a intensità ridotta.

Il tempo mediano per la cessazione elettiva degli inibitori della calcineurina è stato di 142.5 giorni, senza eccesso di malattia GVHD cronica ( cGVHD ) o mortalità.

Dei pazienti valutabili, il 71.6% ha interrotto l’immunosoppressione 12 mesi dopo il trapianto. Questo studio prospettico con aplo-HSCT utilizzando Ciclofosfamide post-trapianto ha dimostrato tassi di sopravvivenza incoraggianti, indicando che la sospensione precoce dell’inibitore della calcineurina è fattibile e sicuro. ( Xagena2023 )

Moore J et al, Blood Adv 2023; 7: 5554-5565

Emo2023 Farma2023



Indietro