Janssen Oncology
Ematologia Amgen
GSK Ematologia
Celgene Ematologia

L'aggiunta di Lenalidomide a R-CHOP migliora gli esiti nel linfoma diffuso a grandi cellule B di nuova diagnosi nello studio ECOG-ACRIN E1412


La Lenalidomide ( Revlimid ) combinata con Rituximab ( MabThera ) più Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone ( R-CHOP ) ( R2CHOP ) nel linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ) non-trattato ha mostrato un'attività promettente, in particolare nel sottotipo a cellule B attivato ( ABC ).
Lo studio E1412 dell'Eastern Cooperative Oncology Group ( ECOG )-ACRIN è uno studio randomizzato di fase II che ha confrontato R2CHOP con R-CHOP nel linfoma DLBCL non-trattato.

I pazienti con linfoma DLBCL di nuova diagnosi, malattia bulky-IV in stadio II, International Prognostic Index ( IPI ) maggiore o uguale a 2 ed ECOG performance status inferiore o uguale a 2 erano eleggibili e sono stati assegnati in modo casuale a R2CHOP rispetto a R-CHOP per sei cicli.
I tumori sono stati analizzati utilizzando il NanoString Lymph2Cx per cellula di origine.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) in tutti i pazienti con l'endpoint co-primario di sopravvivenza senza progressione ( PFS ) nel linfoma DLBCL ABC.
Gli endpoint secondari includevano il tasso di risposta globale ( ORR ), il tasso di risposta completa ( CR ) e la sopravvivenza globale ( OS ).

Sono stati arruolati 349 pazienti; 280 pazienti ( 145 R2CHOP e 135 R-CHOP ) erano valutabili: 94 con linfoma DLBCL ABC, 122 con linfoma DLBCL GCB ( cellule B del centro germinale ), 18 non-classificabili e 46 sconosciuti.

Le caratteristiche di base erano ben bilanciate tra i bracci e l'età mediana era di 66 anni; il 70% dei pazienti aveva una malattia in stadio IV; il 34%, il 43% e il 24% avevano rispettivamente IPI 2, 3 e 4 o 5.

La mielosoppressione è stata più comune nel braccio R2CHOP. Il tasso di risposta globale e risposta completa è stato del 92% e del 68% in R-CHOP e del 97% ( P=0.06 ) e del 73% ( P=0.43 ) nel braccio R2CHOP, rispettivamente.
Il follow-up mediano è stato di 3.0 anni; R2CHOP è stato associato a una riduzione del 34% del rischio di progressione o morte rispetto a R-CHOP ( hazard ratio HR, 0.66 ) e a sopravvivenza senza progressione a 3 anni del 73% rispetto al 61%, P a una coda=0.03, e a un miglioramento della sopravvivenza globale ( 83% e 75% a 3 anni; HR, 0.67; P a una coda=0.05 ).
L’hazard ratio di sopravvivenza senza progressione per R2CHOP è stato pari a 0.67 per il linfoma DLBCL ABC, P a una coda=0.1.

In questo studio signal-seeking, l'aggiunta di Lenalidomide a R-CHOP ( R2CHOP ) ha migliorato gli esiti del linfoma diffuso a grandi cellule B di nuova diagnosi, includendo i pazienti con sottotipo ABC. ( Xagena2021 )

Nowakowski GS et al, J Clin Oncol 2021; 39: 1329-1338

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro