ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Misurazioni del DNA tumorale circolante come predittore di esito precoce nel linfoma diffuso a grandi cellule B


Gli esiti per i pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B rimangono eterogenei, con i metodi esistenti che non riescono a prevedere in modo coerente il fallimento del trattamento.
È stato esaminato il valore prognostico aggiuntivo del DNA tumorale circolante ( ctDNA ) prima e durante la terapia per predire gli esiti dei pazienti.

Sono state studiate le dinamiche di ctDNA da 217 pazienti trattati in sei Centri, utilizzando un modello di training e validazione.
Sono state caratterizzate le dinamiche precoci del ctDNA durante la terapia utilizzando il profilo oncologico personalizzato mediante sequenziamento profondo per definire le soglie associate alla risposta all'interno di un set di scoperta. Queste soglie sono state valutate in due serie di convalida indipendenti.

Infine, è stato valutato il valore prognostico del ctDNA nel contesto di fattori di rischio stabiliti, inclusi l'indice IPI ( International Prognostic Index ) e la tomografia ad emissione di positroni [ PET ] / tomografia computerizzata [ CT ] ad interim.

Prima della terapia, il ctDNA era rilevabile nel 98% dei pazienti; i livelli pretrattamento erano prognostici sia nelle impostazioni di prima linea che di salvataggio.

Nel set di scoperta, i livelli di ctDNA sono cambiati rapidamente, con una diminuzione di 2 log dopo un ciclo ( risposta molecolare precoce, EMR ) e una diminuzione di 2.5 log dopo due cicli ( risposta molecolare maggiore, MMR ).

Nel primo set di convalida, i pazienti che avevano ricevuto una terapia di prima linea con risposta molecolare precoce o maggiore hanno avuto esiti superiori a 24 mesi ( EMR: [ sopravvivenza libera da eventi ] EFS, 83% vs 50%; P=0.0015; MMR: EFS, 82% vs 46%; P minore di 0.001 ). EMR ha anche previsto esiti superiori a 24 mesi nei pazienti sottoposti a terapia di salvataggio nel primo set di convalida ( EFS, 100% vs 13%; P=0.011 ).

Il valore prognostico di EMR e MMR è stato ulteriormente confermato nel secondo set di convalida.

Nelle analisi multivariate che hanno incluso l'indice IPI e la tomografia ad emissione di positroni / tomografia computerizzata ad interim per entrambe le coorti, la risposta molecolare è risultata essere indipendentemente prognostica degli esiti, includendo la sopravvivenza libera da eventi e la sopravvivenza globale ( OS ).

In conclusione, i livelli di DNA tumorale circolante e le risposte molecolari pretrattamento sono indipendentemente prognostici degli esiti nei linfomi aggressivi.
Questi fattori di rischio potrebbero potenzialmente guidare futuri approcci personalizzati orientati al rischio del paziente. ( Xagena2018 )

Kurtz DM et al, J Clin Oncol 2018; 36: 2845-2853

Onco2018 Emo2018



Indietro